[an error occurred while processing this directive]
diff logo Informatica e sistemi alternativi
su questo sito sul Web
    Home   Chi siamo    Contattaci    Scrivi per diff    Proponi un argomento 18/07/24
    Cos'è diff    Come accedere    F.A.Q.    Promuovi    Dicono di diff    Amici di diff    
AmigaOS
Linux
FreeBSD
BeOS
OpenSource
Java
Database
Informatica
Hardware
E-Commerce
Narrativa

RedHat 6.0: l'ultima fatica della casa di Raleigh
di Giuseppe Ghibò

 

Configurazione utilizzata per le prove

Per diff abbiamo provato a installare la RedHat 6.0 su 6 macchine differenti, 4 in configurazione desktop e 2 in configurazione laptop, così composte:
  1. Macchina dual Pentium II 400 Mhz,

  2. - motherboard ASUS P2B-DS, chipset Intel
    - controller Adaptec SCSI U2W 7890 on board
    - 512MB RAM
    - Disco SCSI U2W 9.1GB + HD UDMA 10GB
    - CDROM Plextor UltraPlex 32
    - scheda audio Creative PCI 128
    - scheda video Matrox Millenium G200 8MB SGRAM AGP
    - scheda Ethernet PCI 3COM 905TX 10/100
     
  3. Macchina Pentium II 350Mhz

  4. - motherboard ASUS P2B-F, chipset Intel
    - 128MB RAM
    - disco UDMA IBM 8.4GB
    - CDROM 40X
    - scheda audio Creative PCI 128
    - scheda video Matrox Millenium G200 8MB SDRAM AGP
    - scheda Ethernet PCI 3COM 900B Cyclone combo10Mbit
     
  5. Macchina K6-3 400Mhz SuperSocket 7

  6. - motherboard ASUS P2-B, chipset ALI 15xx
    - 128MB RAM
    - disco Samsung 8.4GB UDMA
    - CDROM 40X
    - scheda audio Creative PCI 64
    - scheda video Matrox Millenium G200 8MB AGP SDRAM
    - scheda Ethernet PCI NE2000 compatib. (clone della Realtek 8029)
     
  7. Macchina Pentium 133Mhz

  8. - motherboard FIC PA2005, chipset VIA
    - 64MB RAM
    - disco Maxtor Diamond 5.1GB
    - CDROM Samsung 32X
    - scheda audio ESS 1868 PnP ISA
    - scheda video Creative Exxtreme Blaster 4MB PCI
     
  9. Notebook Acer Extensa 501T

  10. - Pentium 266MMX, chipset ALI
    - 64MB RAM
    - schermo TFT 12.1"
    - disco IBM 3.2GB UDMA
    - scheda audio Yamaha OPL3-SA3
    - scheda ethernet Dlink DE-660
    - Winmodem 56k
     
  11. Notebook Acer Extensa 711TE

  12. - Pentium II Mobile 266MMX
    - 64MB RAM
    - schermo TFT 14.1"
    - disco IBM 6.4GB UDMA
    - scheda audio ESS Maestro-2
    - Windmodem 56k


L'installazione è stata completata in pochi minuti (meno di 10 sui Pentium II) senza problemi in praticamente tutte e quattro le macchine desktop, mentre ci sono stati dei problemi per i laptop. La configurazione "2" dei desktop si rivela un ottima scelta per Linux, sia in termini economici, che in termini di prestazioni, che in termini di compatibilità. 

Sia le schede video che le schede audio sono state riconosciute dai programmi di autoconfigurazione della RedHat 6.0 (Xconfigurator e sndconfig). Perfino la scheda ESS 1868 PnP che con distribuzioni precedenti dava problemi è stata riconosciuta e configurata corretamente, con tanto di file isapnp.conf autocreato e kernel modulare. 

In particolare le schede Audio Creative PCI 64/128 (chipset Ensoniq 1371/70) si rivelano ottime per Linux, sia perché sono PCI, anziché ISA, poi perché non richiedono particolari configurazioni extra a livello di moduli (IRQ, base I/O, etc.), consentendo altresì la compilazione di un kernel monolitco, e infine perché oramai hanno costi modestissimi.

Rispetto alla precedente RedHat 5.2, Xconfigurator ci propone la possibilità di configurare il sistema in maniera tale da autoavviarsi direttamente in modalità grafica X11 (Figura 5), anziché tramite il solito "startx". 

Anche la rete)  è stata configurata correttamente in pochi secondi in tutte le macchine dotate di scheda Ethernet. In pratica nelle macchine 1, 2 e 3 siamo riusciti a installare e configurare totalmente un server Linux completo con tanto di server Web, ftp,  nfs, e di posta in meno di 20 minuti. 

L'unica nota dolente riguarda la macchina col K6-3. Il chipset ALI 15xx non è infatti tutt'ora ufficialmente supportato dai kernel 2.2.X di Linux (non dipende quindi dalla distribuzione), per cui le né la modalita UDMA né tantomeno quella DMA sono supportate; di conseguenza le prestazioni di I/O sono alquanto scadenti, a cui contribuisce non poco il fatto che l'hard disk in utilizzato, un Samsung 8.4 GB, appartiene alla fascia dei modelli economici, con un seek time decisamente basso. In seguito tramite una patch esterna (non supportata ufficialmente nel kernel, ma disponibile separatamente in rete) siamo riusciti a far funzionare l'hard disk in modalità UDMA; l'incremento  delle prestazioni  è stato notevole, ma è stata necessaria la ricompilazione ad hoc del kernel del sistema. 

Anche sulla macchina dual Pentium II non abbiamo avuto particolari problemi. La RedHat 6.0 include infatti un kernel particolare compilato appositamente per questo tipo di macchine che include la modalità SMP (Simmetric Multi-Processing) abilitata, e che è possibile scegliere al momento dell'installazione, durante la fase di selezione dei pacchetti.

Per i due modelli laptop invece ci sono stati dei problemi. Sul primo, l'Extensa 501, nonostante l'installazione da CD sia portata a termine correttamente, al successivo boot da hard disk della macchina, l'esistenza della modalità APM causa il blocco del kernel del sistema (probabilmente dovuto a qualche bug nel BIOS). Per risolvere il problema abbiamo dovuto ricompilare separatamente un nuovo kernel su una seconda macchina con la modalità APM disabilitata e installarlo successivamente sulla prima.

Il chipset NeoMagic della scheda video è stato riconosciuto correttamente, per cui non ci sono stati problemi con X, che è stato possibile utilizzare a 800x600 in 65mila colori. La scheda audio (Yamaha OPL-SA3) invece non è stata possibile utilizzarla da Linux: l'utility sndconfig, non è infatti stata in grado di configurarla correttamente, e con la configurazione manuale dei moduli kernel (anche con kernel più recenti di quello fornito sul CD RedHat, ad esempio fino al 2.2.10) e tramite isapnp.conf, il playback audio non ha mai resistito più di una trentina di secondi, causando al termine il blocco del sistema. Lo stesso problema si è avuto anche con i driver commerciali della 4Front Technologies. Per quanto riguarda la modalità UDMA, essendo l'Extensa501  basato su chipset ALI 15xx (prodotto da Acer)  valgono le stesse considerazioni fatte per la macchina desktop dotata di K6-3. La scehda PCMCIA Dlink DE-660 è stata configurata manualmente, ma ha richiesto un po' più di "attenzioni".

Con l'Extensa 711TE, invece, l'unico problema si è riscontrato con la scheda audio ESS Maestro-2 che non è ancora supportata né dal kernel Linux (Alan Cox ci sta lavorando sopra...), né dai driver commerciali della 4Front Technologies.
In ambedue i laptop non è stato inoltre  possibile utilizzare i rispettivi pseudo-modem interni di tipo winmodem, che non sono in alcun modo supportati dal kernel di Linux, né, a quanto sembra, lo saranno in un futuro prossimo.  Se dovete usare necessariamente un modem con Linux in un laptop, considerate la possibilità di acquistare un modem PCMCIA.



LINUX


Giuseppe Ghibò
Attualmente consulente e sistemista Unix, grande esperto di TeX, Postscript e DTP, ha fatto parte del Comitato Organizzatore delle due ultime edizioni  di IPISA. Ha inoltre collaborato con Amiga Magazine dal '95 fino alla sua chiusura.
Da sempre attivista sul fronte dei sistemi operativi alternativi, nutre particolare passione per l'informatica, la matematica, l'elettrotecnica, ma non disdegna argomenti più frivoli quali il calcio e Formula 1. 

Puoi contattare l'autore scrivendo a:
gghibo@diff.org


 


Indice temporaneo:


© 1999,2000,2001,2002 NonSoLoSoft di Ferruccio Zamuner (Italia)- tutti i diritti sono riservati