[an error occurred while processing this directive]
diff logo Informatica e sistemi alternativi
su questo sito sul Web
    Home   Chi siamo    Contattaci    Scrivi per diff    Proponi un argomento 16/01/19
    Cos'è diff    Come accedere    F.A.Q.    Promuovi    Dicono di diff    Amici di diff    
AmigaOS
Linux
FreeBSD
BeOS
OpenSource
Java
Database
Informatica
Hardware
E-Commerce
Narrativa

Mi scusi lo SCSI (signorina!)
di Andrea Vallinotto

Quindi quando si parla di standard SCSI bisogna stare attenti a che cosa si intende dire; provando a programmare lo SCSI (come vedremo nella seconda parte) può spesso capitare di incappare in comportamenti fuori dallo standard definito: in questi casi si cerca di girare intorno (workaround) al problema.

L'evoluzione non va però solo verso l'esterno (supportare nuovi dispositivi), ma anche verso l'interno. I nuovi dispositivi richiedono velocità di trasferimento sempre più alte. Sono state quindi potenziate le caratteristiche fisiche del bus per ottenere maggiore velocità: ecco che appaiono i vari bus "wide", "fast" e "ultra". Con i lavori per lo SCSI 3, tutti questi protocolli sono stati riorganizzati e lo stesso standard SCSI è ora suddiviso in livelli (detti anche layers o strati), così come avviene già con i protocolli di Internet. La divisione in strati ha anche il beneficio di rendere più modulare tutto l'insieme, permettendo così di sfruttare anche le nuove tecnologie come il FireWire e le fibre ottiche.
Si ottiene cioè che ora i comandi SCSI possono passare attraverso una più grande varietà di connessioni che non quelle del classico SCSI-2.
La figura qui di seguito illustra a grandi linee i livelli:

scsi/Pr1.png

  • Il primo livello (Phisical Interconnections)definisce la connessione fisica del bus; si può facilmente indentificare con il cavo stesso.
  • Il secondo livello (Transport Protocols) dipende strettamente da quello inferiore e definisce come vengono usate le connessioni fisiche.
    Questo livello fornisce al livello superiore un'interfaccia comune per utilizzare i dispositivi connessi sul bus, in modo che i software di gestione del sistema operativo non si debbano preoccupare di quale connessione fisica trasporti i comandi.
  • Gli ultimi due livelli (Shared command set e Device-Type Specific Command Sets) forniscono l'interfaccia software per la gestione dei dispositivi. La seconda parte dell'articolo si occuperà in particolare di illustrare l'uso di questi comandi.
Più precisamente, lo schema qui sotto illustra in dettaglio le varie istanze dei primi due livelli:
scsi-3 stand arc_mod.png
Sono quindi 4 grosse famiglie
  • Lo SPI, cioè SCSI Parallel Interface. Sotto quest'acronimo un po' oscuro si nascondono i cavi ed i bus più comuni ed usati (un'apposita sezione più sotto ne parla in dettaglio). Il termine Parallel sta semplicemente a significare che più segnali transitano sul cavo contemporaneamente. In questo specifico caso, i primo livello è strettamente legato a quello superiore.
    I cavi narrow fanno passare 8 bit (cioè un byte) per volta, quelli wide 16 (cioè due byte per volta).
    Esistono poi i tipi di bus Fast, Ultra1, Ultra2 e Ultra3: queste designazioni riguardano le frequenze (e di conseguenza la velocità) a cui vengono trasferiti i dati.
  • Il nome industriale è IEEE-1394, ma è meglio conosciuto come "FireWire". È un bus seriale (in cui transita un solo bit per volta) che si sta affermando. La parte di primo livello ovviamente non fa parte dello standard SCSI-3, che, al contrario la "prende in prestito" dallo standard IEEE.
  • Fibre Ottiche. E` previsto l'utilizzo delle fibre ottiche dello standard T11. Al momento, però, sono pochissimi gli host adapter in commercio per i microcomputer che fanno uso di quest'interfaccia. Essendo un'architettura ad alte prestazioni, è mirata ai grandi server di rete ed ai mainframe: la banda passante del bus è di 100 Megabytes/secondo.
  • Serial Storage architecture. Un altro bus seriale; è tuttora in corso la definizione del protocolli di fisici e di trasporto, denominati PH2 e TL2.



Continua...

AMIGA


Andrea Vallinotto
Studente di Informatica all'Universtità degli Studi di Torino.
Utente e sviluppatore Amiga, programma, quando ha tempo, in C e ARexx.
Collabora come free-lance (senza sapere dove poi atterra) alla rivista francese AmigaNews.
Altri hobby: subacquea e viaggi.

Puoi contattare l'autore scrivendo a:
avallino@diff.org


Articoli dello stesso autore:
Annuncio AmigaOS 5 (DevCon '98)
Reportage dalla fiera di Colonia '98
Clickboom
Signorina, mi scusi lo SCSI
Introduzione alla programmazione
AmigaOS 3.5 è realtà
Utility ed inutilities per la rete e per Internet
I Love You: cronache del dopobomba
I Love You ed i sistemi nostrani


 


    Indice dell'articolo:

  1. Introduzione
  2. Parte prima: ovvero lo standard dai 50 volti.

© 1999,2000,2001,2002 NonSoLoSoft di Ferruccio Zamuner (Italia)- tutti i diritti sono riservati