[an error occurred while processing this directive]
diff logo Informatica e sistemi alternativi
su questo sito sul Web
    Home   Chi siamo    Contattaci    Scrivi per diff    Proponi un argomento 16/01/19
    Cos'è diff    Come accedere    F.A.Q.    Promuovi    Dicono di diff    Amici di diff    
AmigaOS
Linux
FreeBSD
BeOS
OpenSource
Java
Database
Informatica
Hardware
E-Commerce
Narrativa

AmigaOS 3.5 è una realtà
di Andrea Vallinotto



Il nuovo Workbench

Il nuovo WorkBench (che corrisponde alla workbench.library versione 44.1414) anche se non apporta nessun cambiamento radicale al Workbench come era nel 3.1, aggiunge delle funzionalità ben gradite.
Ad esempio, finalmente per le operazione di copia e cancellazione si apre una finestra che mostra l'avanzamento del processo, con possibilità di interromperlo.
Il tanto atteso progress indicator

Altro fatto piacevole, è ritornata la famosa 'Disk gauge', cioè la barra laterale che indica quanto un disco è pieno nelle finestre relative alla directory principale di un disco.

Quasi tutti i comandi dei menu sono ora selezionabili da tastiera e non solo: con la tastiera è ora possibile "navigare" tutte le icone e le finestre del WorkBench, rendendo così l'uso del mouse opzionale.
Riguardo ai menu, sono stati aggiunti alcuni comandi e ne sono stati potenziati altri:
  • "Window/Clean Up" è diventato "Clean Up by Coloumn/Name/Date/Size/Type" : ora le icone possono essere ri-arrangiate anche in ordine alfabetico, per data, dimensione o tipo.
  • "Window/View by" ha subito un simile trattamento: ora è anche disponibile l'opzione "by Type".
  • "Window/Resize to fit" è una nuova funzionalità, utilissima: ridimensiona la finestra corrente per farci stare tutte le icone.

  • Il nuovo menu 'Window'

Altra potenzialità aggiunta è la porta ARexx: ora il Workbench è anche un'applicazione ARexx come le altre: è quindi pilotabile tramite il noto linguaggio in tutte le sue funzionalità, con un totale di 22 comandi. Tra le potenzialità importanti, è sicuramente da segnalare il completo controllo del Menu "Tools", rendendo così sostituibile le utility come ToolManager con degli script ARexx; il nuovo T.H.E. (vedi Aminet) fa uso di questa potenzialità.

Le nuove icone

Un discorso particolare va fatto per le icone: come già detto, a essere interamente rimpiazzato non è solo il Workbench ma anche il sotto-sistema di icone cioè la icon.library.
Glow example

Innanzitutto è nuova la gestione dei colori: le icone del 3.5 possono averne fino a 256 (contro i 16 precendenti), ma non solo; se i colori disponibili sono pochi, le icone vengono ricolorate (in gergo si dice "rimappate") cercando di mantenere le sfumature originali. E` inoltre assicurata la compatibilità con il sistema NewIcons: questo tipo di icone vengono riconosciute e visualizzate correttamente, ma il nuovo formato non è quello di NewIcons, giudicato troppo lento e ingombrante. Invece le icone di AmigaOS 3.5 introducono un nuovo formato più veloce e compatto delle NewIcons.
Insieme al sistema vengono fornite delle icone della serie GlowIcons, opportunamente convertite al nuovo formato. Il nuovo look dà un tocco di colore ed eleganza al nuovo Workbench; per completare il quadro, la nuova icon.library implementa un nuovo tipo di 'highlight', che caratterizza un'icona quando è selezionata; infatti oltre ai già esistenti 'Complement', 'Backfill' e 'Image' ora c'è 'Darken', che scurisce l'icona. La maggior parte delle icone fornite, comunque, ha una seconda immagine quando è selezionata. La finestra qui sotto mostra molte delle GlowIcons fornite, con la colonna di destra selezionata.

GlowIcons

Per finire, è stato anche aggiunto un nuovo "hook" per avere una funzionalità tipo DefIcons: ciò significa ci potranno essere degli applicativi tipo DefIcons per il nuovo WorkBench, che non dovranno più intervenire su delle funzioni vitali del sistema, come invece faceva il DefIcons del pacchetto NewIcons.

continua...

Se non sei ancora iscritto a diff,
NonSoLoSoft e la redazione di diff ti invita a non esitare oltre ed iscriverti.
Nel frattempo se hai acquistato da NonSoLoSoft l'AmigaOS 3.5 puoi utilizzare il codice e la password (in caratteri maiuscoli) che ti è stata recapitata con la confezione del sistema nuovo operativo per continuare la lettura di questo articolo.
In caso di problemi, contattaci via email: nonsolosoft@diff.org



Andrea Vallinotto
Studente di Informatica all'Universtità degli Studi di Torino.
Utente e sviluppatore Amiga, programma, quando ha tempo, in C e ARexx.
Collabora come free-lance (senza sapere dove poi atterra) alla rivista francese AmigaNews.
Altri hobby: subacquea e viaggi.

Puoi contattare l'autore scrivendo a:
avallino@diff.org


Articoli dello stesso autore:
Annuncio AmigaOS 5 (DevCon '98)
Reportage dalla fiera di Colonia '98
Clickboom
Signorina, mi scusi lo SCSI
Introduzione alla programmazione
AmigaOS 3.5 è realtà
Utility ed inutilities per la rete e per Internet
I Love You: cronache del dopobomba
I Love You ed i sistemi nostrani



Consiglio la lettura dell'articolo di Roberto Rosselli Del Turco <a href="/diff/uno/migrazioni.shtml">Migrazioni possibili</a>
 


[an error occurred while processing this directive]
© 1999,2000,2001,2002 NonSoLoSoft di Ferruccio Zamuner (Italia)- tutti i diritti sono riservati