[an error occurred while processing this directive]
diff logo Informatica e sistemi alternativi
su questo sito sul Web
    Home   Chi siamo    Contattaci    Scrivi per diff    Proponi un argomento 26/03/17
    Cos'è diff    Come accedere    F.A.Q.    Promuovi    Dicono di diff    Amici di diff    
AmigaOS
Linux
FreeBSD
BeOS
OpenSource
Java
Database
Informatica
Hardware
E-Commerce
Narrativa

L'INTERVISTA IMPOSSIBILE
di Carlo Adriano

LA SFINGE

Cazzo! Cazzo! Cazzo! Lo sapevo che non dovevo bere tutta quella birra! Certo che ti toglie la sete, ma poi il sole ti cuoce il cervello e ti ritrovi sbronzo come un cavallo sbronzo, addormentato proprio dietro i cessi più lontani dal parcheggio delle corriere, quelli delle donne. E adesso non c'è più in giro nemmeno un cane, anzi, nemmeno la mummia di un cane! (Puah! che schifo di battuta!)
E con lo sciopero del personale di sorveglianza non c'è neanche la possibilità che arrivi qualche comitiva notturna.
Ed è notte! (Che ora è? Le due. Merda, tutta la notte da passare!)
E ho freddo.
E ho fame.
E ho mal di testa.

E quell'imbecille di Enrico che se n'è andato piantandomi qui da solo!
Ma lui di birra ne aveva bevuta di meno. Forse era anche un po' meno sbronzo di me.
Ma non abbastanza da accorgersi che non ero con lui! Scemo!
Scemo chi? Lui che è ritornato in albergo al Cairo o io alle due di notte in mezzo alle piramidi di El-Gizah?
E ho freddo. E che cristo! Con tutto il caldo che fa di giorno, non potrebbe essere almeno tiepido di notte, 'sto cacchio di deserto? Stanno sempre a esagerare, o da una parte o dall'altra! Ma va affa'nbagno!
E ho fame.

Mi metto a piangere come un vitello.
Beh? Non posso averlo un ultimo sussulto di sbronza lagnosa? O è vietato pure questo?
Ad ogni modo, visto che le cose non cambiano di molto (non mi passa nemmeno il mal di testa), dopo un po' smetto di mugolare e mi incammino verso il piazzale delle corriere. Chissà che non ci trovi qualche altro scemo come me.
Meno male che almeno di sigarette ne ho abbastanza. Ne accendo una.
Non mi riscalda molto, ma almeno introduco un po' di veleno nei polmoni.
Non vorrei mai che quest'aria così pulita mi facesse male.

Miracolo! Nella spettral-romantica luce lunare che inonda il panorama vedo un sacchetto di patatine davanti a me, a meno di venti metri da una specie di muretto! Mi getto su di lui con uno scatto felino (oh, beh!, visto che non c'è nessuno che mi vede posso anche raccontarla così, no?), ma quello, sospinto dal vento, comincia a spostarsi. Dooove vai, brutto stronzo, vieni qua, maledetto! (madonna, che mal di testa!)
Dopo un breve duello tra me ed il vento riesco a placcare il sacchetto nello spazio ristretto tra il muretto già intravisto ed un suo gemello a circa quattro metri dal primo. Sollevo la mia preda con un grido di trionfo: mezzo pieno! o è mezzo vuoto? Rinvio a più tardi la soluzione dell'atroce dubbio e affondo le dita nel sacchetto. Che bello! Non c'è neppure uno scorpione, dentro. Solo un po' di sabbia che insapora le patatine, ma va bene così, aiuta a pulire i denti e l'intestino.

Mentre mi ingozzo mi guardo intorno. Sono in mezzo ai due muretti che mi riparano dal vento e che terminano in una parete chiusa ad una dozzina di metri davanti a me. Una specie di corridoio che non porta da nessuna parte, insomma (sembra quasi la descrizione della mia vita). Allora mi arrampico con lo sguardo lungo la parete al fondo dei muretti, e salgo, salgo, salgo.
Soltanto quando sento scricchiolare pericolosamente le mie vertebre cervicali, giunte al limite della loro possibilità di torsione, vedo un testone gigantesco che mi sovrasta.
Vacca boia! Sono nientemeno che al cospetto della Sfinge! O meglio, sono proprio in mezzo alle sue zampone enormi.

Ciao, bella! Scusa se non ti ho visto prima. Grandicella, eh? Comunque senti, gioia, i complimenti te li faccio domani mattina, adesso ho troppo freddo, fame e mal di testa. Ci vediamo più tardi.
Raggiungo la parete al fondo, mi ci addosso raggomitolandomi e mi accendo un'altra sigaretta. Visto che devo passare la notte come un cane, qui almeno sono al riparo del vento.
Qualcosa mi risveglia improvvisamente. Devo essermi appisolato per qualche momento. Che ore sono? E ti pareva! Anche l'orologio è andato a pallino: segna le undici: tre ore indietro rispetto a quando lo avevo guardato prima. Ma va affa'nbagno!
Proprio di fronte a me, la luna nel cielo è diventata gigantesca, così splendente che quasi mi abbaglia.

Cos'è che mi ha svegliato? C'è un silenzio che fa paura, anche il vento cessato.
"Chi sei?"
Mi passa il freddo, la fame, il mal di testa, il desiderio di prendere Enrico a calci non appena lo rivedo.
"C-chi cazzo è?" grido. O meglio, credo di gridare. In realtà è appena un belato quello che esce dalle mia labbra.
Vedo cadere del pietrisco misto a sabbia davanti a me, allora alzo gli occhi.
Oh, Gesù! Ti prometto che berrò solo più acqua minerale, te lo giuro! Dai, Gesuuccio mio, te lo giuro davvero!
La Sfinge sta chinando lentamente la testa verso di me. Mi guarda. E poi parla.
"Chi sei? Un viandante?"

Ah, vabbé, adesso è tutto chiaro! O sono diventato pazzo oppure sto sognando.
Scelgo la seconda che ho detto e mi tranquillizzo subito (il che forse dimostra che sono diventato pazzo, ma a questo ci penserò dopo). Dopo?
Dopo che cosa? Voglio proprio vedere come va a finire.

"Eh?"
"Sei un viandante sulla strada per Tebe?"
"Un via-andante sulla strada per Tebe? No, sono un qua-stante perché mi sono sbronzato e gli altri se ne sono andati tutti"
Un via-andante, un qua-stante! Madonna come mi vengono bene certe battute!
"Non sei Edipo sulla strada di Tebe?"
"No. Sono Menicucci Guido e abito a Cinisello Balsamo"
"Meno male! Avevo paura che fossi quel portasfiga di Edipo. Tu lo conosci?"
"Chi? Pippo? No, non credo, a meno che non faccia anche lui il rappresentante della Folletto, ma forse batte un'altra zona"
"Allora ti pongo un enigma"
"Che fai, tu?"
"Te l'ho detto, ti pongo un enigma"
"E che vuol dire?"
"Ma che sei, scemo?"
"No, solo ancora un po' sbronzo, scusami"
"Va bene, allora ti faccio un indovinello"
"No, dai!, non li ho mai sopportati, ci faccio sempre la figura del cretino"
"Non puoi opporti, è il fato"
"Il fato? E che è? Il marito della fata? Ah! Ah! Ah! Che fai, non ridi?"

"La pianti di dire battute cretine? Chi ti credi di essere, Woody Allen?"
"Vabbé , non lo faccio più. Però non è il caso di offendere"

"Ascolta. Qual è l'essere che cammina al mattino con quattro gambe, il meriggio con due, la sera con tre, e che, contrariamente alla legge generale, è più debole quando ha più gambe?"
"Aspetta, fammici pensare, che questo lo so. E' ..., ah, sì, è il canguro"
"Il canguro? Che cos'è il canguro?"
"Non sai cos'è un canguro? Sei ignorante forte, figliola! Ma come? non hai mai visto dei documentari, l'Australia ..."
"Cos'è l'Australia?"
"Ma che fai? Ci marci? E' quel continente ..., quella grossa isolona ..."
"Ho capito! Vuoi dire l'Atlantide"
"Ma che atlante d'Egitto! A proposito, almeno lo sai dove siamo adesso?"
"Certo, siamo nella terra del dio Nilo, del dio Amon-Ra, della dea Iside, del dio Api, del dio ..."
"D'accordo, basta così, non è il caso di fare l'appello generale"

"Allora?"
"Allora che?"
"Che cos'è il canguro?"
"Oh madonna bonina! Ma non hai visto nemmeno i cartoni animati, quelli con gatto Silvestro e Silvestrino, che incontrano il canguro scappato dalla gabbia, e Silvestrino dice a Silvestro di fargli un cu..., scusa, di conciarlo per le feste, a quel topone?"
"Io non ho visto nessuno, e qui i gatti sono sacri"
"Sì, lo so, ho visto le mummiette ... le mummine ... insomma, come cacchio si chiamano. Comunque un canguro è proprio come un enorme topo, solo che cammina con le zampe di dietro, anzi, non cammina, salta"
"Salta dove?"
"Ma dove gli pare! Salta nel senso che si sposta facendo dei salti invece di camminare"
"Ho capito"
"Alla buon'ora! Scusa se te lo dico, figliola, ma sei un po' de coccio!"
"E' vero, sono di roccia. Ma una volta, tanto tempo fa, ero muscoli, artigli, fauci. Ero il terrore annidato sulle alture di Tebe, fino a quando non ho incontrato Edipo, che ha risolto l'enigma"
"L'indovinello!"
"Sì, ... l'indovinello"
"Aspetta, fammi capire. Perché eri il terrore annidato là ... sulle alture di Tebe?"
"Perché divoravo i viandanti che non sapevano risolvere l'enigma"
"Eccheccacchio! Ma non avevi altro di meglio da fare? E perché li divoravi se non risolvevano l'emi..., l'eghi..., insomma, l'indovinello?"
"Perché io sono la figlia del mostro Tifone, ed ero stata inviata dalla dea Era per punire la città di Tebe a causa dell'amore colpevole del re Laio per Crisippo"

"Aspetta, non me lo dire, 'sto Crisippo era un uomo, vero?"
"Naturalmente"
"Alla faccia! Ci andavate pesante con la repressione sessuale, ai tuoi tempi!"
"Macché repressione sessuale! Allora era normale che un uomo amasse un altro uomo!"
"Mi fa piacere. Bisogna essere un po' di larghe vedute, oggi come oggi.
Ma allora quello lì ... come hai detto? Edipo? Ecco, sì, lui l'ha risolto il ... l'indovinello?"
"Sì, ma sarebbe stato meglio per tutti se non l'avesse mai fatto"
"Meglio per tutti chi? Perché?"

"Meglio per me, perché io l'avrei divorato invece di uccidermi per la disperazione schiantandomi contro le rocce; meglio per Edipo, perché se l'avessi divorato egli non avrebbe ucciso suo padre Laio e non avrebbe commesso incesto con sua madre Giocasta, che in seguito a ciò si impiccò; meglio per i tebani, falcidiati da una pestilenza scatenata dal dio Apollo per punire i terribili peccati di Edipo"
"Madonna, che macello! Sembra una tragedia greca!"
"Appunto. Non hai letto l'Edipo re, di Sofocle?"
"No, però so una barzelletta su Sofocle. Aspetta che te la racconto.
Dunque, c'è un cinema, pieno di gente, e ad un tratto c'è un principio di incendio e la sala comincia a riempirsi di fumo; allora la maschera passa in sala e dice alla gente: "Eschilo, signori, che qui si Sofocle, e attenti a non scivolare per quelle scale Euripide" Ah! Ah! Ah! Beh? Non ridi? Allora non l'hai capita. Eschilo ... si Sofocle ... le scale Euripide. Eh?"

"Per gli dei! Sei disgustoso, quando vuoi essere spiritoso"
"Ti ho detto di non offendere! E poi, senti chi parla di esseri disgustosi, la figlia di un mostro che sembra fatta con gli avanzi di un laboratorio di anatomia comparata!"
"Io sono una delle figure più classiche dell'arte, immortalata da centinaia di pittori e di scultori! Chi ha mai immortalato te?"

"Beh, io e Enrico l'anno scorso ci siamo fatti delle foto sulla spiaggia di Borghetto Santo Spirito con le nostre mogli, e io non sono venuto niente male! Poi ho le foto della prima comunione, quelle del servizio militare e quelle del matrimonio. Non saranno centinaia ma una cinquantina ci sono di sicuro. Su, dai, non litighiamo, ti prometto che non faccio più lo spiritoso.
Dimmi qualcos'altro di te. Da quanto tempo ... abiti qui?"
"Da migliaia di anni. Da quando gli dèi scendevano spesso sulla terra a trovare gli uomini. Allora ero hewej, "la percuotente", terribile per chiunque mi incontrasse, tanto che i re divini di questa terra, i faraoni, mi eressero a simbolo della loro potenza. Però ho anche viaggiato, in Grecia, a Tebe e a Delfi"

"Bello! Anche io e Enrico abbiamo vinto un viaggio-premio qui in Egitto per la Folletto, la ditta dove lavoriamo. A proposito, non ti interesserebbe un aspirapolvere? Con tutta la sabbia che c'è qui ..."
"Non so cosa sia un aspirapolvere, comunque non mi interessa"
"Se è per i soldi non ti preoccupare: facciamo un bel pagamento con 180 piccole rate mensili; è un affare!"
"Ho detto di no!"
"Va bene, va bene, non ti incazzare; peggio per te. E a parte la faccenda di coso ... lì ... Edipo, cos'altro mi racconti?"
"Avevo anche un fratello, il leone di Nemea, ma è stato ucciso da Eracle"
"...'azzo, figlia mia, ma sei proprio sfigata! Anche io conosco uno, Leone di Lernia, che canta in pugliese; non mi piace, però non lo ammazzerei mica.

Che gli aveva fatto tuo fratello a 'sto Eracle?"
"Ma niente, ti dico! Mio fratello se ne stava tranquillo a casa sua, a divorare gli abitanti e gli armenti della regione di Nemea"
"Insomma, proprio una personcina a modo"
"Ma anche mio fratello era stato inviato in Nemea dalla dea Era, perciò stava facendo solo il suo lavoro, quando arriva Eracle, che doveva fare le sue dodici fatiche, piglia mio fratello e, dato che non riusciva a ucciderlo con le armi perché era invulnerabile, ecco che me lo soffoca"
"Le dodici fatiche? Ma allora era Ercole! Tosto, quello, l'ho visto tante volte al cinema: Ercole e la regina di Lidia, Ercole al centro della terra, Ercole contro Roma, ma sono tutti film degli anni '60 che adesso fanno solo in televisione"

"Che cos'è la televisione?"
"Aah, ricominciamo? Vabbé, è vero, non lo puoi sapere. Dunque, la televisione è una specie di scatolone, con un vetro davanti, che dentro ci vedi le persone, la domenica sportiva, il Maurizio Costanzo sciò, la Raffa, il tiggì e tante altre cose; hai capito?"
"Credo di sì, ma perché quelle persone stanno dentro lo scatolone? Cosa hanno fatto di male?"
"Non hanno fatto niente! Anzi, li pagano un mucchio di soldi!"
"Li pagano per stare dentro lo scatolone? E perché?"
"Perché così la gente li guarda e si diverte!"
"La gente si diverte a guardare delle persone dentro uno scatolone?"
"Ma sì, ti dico, e poi ci sono i collegamenti: tu sei qui e puoi sapere cosa succede ... che so ... a Tebe, ecco"
"Ma se io sono qui cosa me ne importa di quello che succede a Tebe, mi importa quello che succede qui!"

"Anche questo è vero. Però i collegamenti sono importanti! Adesso c'è il villaggio globbale, c'è Internet, che tutti ci navigano con i compiuter, che non ho mai capito come fanno, però è così, te lo assicuro, lo sa anche Enrico"
"Ma questo è facile! I compi-uter devono essere delle navi, oppure delle zattere, come quella di Ulisse"
"Oh, sì, anche questo lo conosco. L'ho imparato a scuola: è quello che ammazza tutti i Porci che gli vogliono fregare la moglie, che però non mi ricordo chi era"
"I Proci"
"Eh? I froci?"
"I Proci, non i porci"
"Vabbé, fa lo stesso, e comunque erano proprio dei maialoni, che si mangiavano tutta la roba di Ulisse, ma lui gli fa un cu..., scusa, si vendica e li ammazza come dei polli. Ah! Ah! Buona questa! I Porci che fanno la fine dei polli! No, no, dai, non ne faccio più di battute. Toh, guarda, si sta schiarendo"

"E' vero, tra poco l'occhio di Ra guarderà il mondo. Ora taci, perché debbo innalzare l'inno al Sole: "Lode a te, Ra, che sorgi all'orizzonte, quando tu ti alzi gli uomini vivono ed esultano per te". Ma dimmi, viandante, presso la tua gente chi è che pone gli enigmi?"
"Gli indovinelli? Hai voglia! Alla televisione ci sono i quiz, che Raffaella Carrà fa le domande e la gente telefona da casa, dice "complimenti per la trasmissione" e se indovina vince un sacco di milioni"
"E quelli che non indovinano, chi li sbrana?"
"Mai sei fissata con 'sto sbranamento! Non li sbrana proprio nessuno, hanno solo sprecato una telefonata"
"Ho capito. Ma adesso non siamo nello scatolone della televisione, vero?"
"Purtroppo no, che se lo sapessero che sto qui a parlare con te verrebbero tutti, la RAI, Canale 5 e Emilio Fede, che farebbe la solita figura da pir ..., scusa"

"Allora ti devo sbranare"
"Eccheccacchio! Ma sei diventata matta? Ma come, ce ne stiamo qui a chiacchierare, e tutto a un tratto te ne salti fuori con 'sta stronzata! Non si fa così, cavolo!"
"Mi dispiace, ma è il tuo destino. Tu non hai risolto il mio enigma"
"Ma sì che ho risposto! Era il canguro, te l'ho detto!"
"Non è il canguro, è l'uomo"
"L'uomo?"
"Sì, perché nell'alba della sua vita avanza carponi, nel giorno pieno cammina eretto, su due gambe, e la sera, nella vecchiaia, si aiuta con il bastone"
"Boh! Sarà così, però anche il canguro da piccolino cammina a quattro zampe, poi zompa con due e quando è vecchio si appoggia anche sulla coda. Quindi ..."
"Quindi un bel niente! La tua soluzione non è quella giusta, e poi io non sapevo nemmeno che esistesse, il canguro"
"Scusa, ma che è colpa mia se sei ignorante?"
"Attento a come parli, viandante! Non chiedere troppo alla dea Fortuna!

Però mi sei simpatico, quindi ti offro una seconda possibilità"
"Un altro indovinello?"
"Sì, un secondo enigma. Ascolta: esiste una coppia di fratello e sorella, di cui l'uno genera l'altra ed è a sua volta generato da essa?"
"Cristo, che casino. Aspetta, fammi vedere se ho capito: un fratello che genera sua sorella e la sorella che genera suo fratello?"
"Esatto, ma rispondi, presto, altrimenti ti sbrano subito!"


NARRATIVA


Prof. Carlo Adriano
Dottore in Filosofia, laureato presso l'Università degli Studi di Torino con una tesi sulla fenomenologia delle nuove religioni;
ha alle spalle anni di insegnamento di lettere e filosofia nella scuola Media Superiore.
Segni particolari biker.

Puoi contattare l'autore scrivendo a:
cadriano@diff.org


Racconti dello stesso autore:
Hal 9000
La Sfinge
Lady Macbeth


 


Lo stesso autore ha pubblicato giè un altro racconto sul numero ZERO di diff.
© 1999,2000,2001,2002 NonSoLoSoft di Ferruccio Zamuner (Italia)- tutti i diritti sono riservati