[an error occurred while processing this directive]
diff logo Informatica e sistemi alternativi
su questo sito sul Web
    Home   Chi siamo    Contattaci    Scrivi per diff    Proponi un argomento 29/05/17
    Cos'è diff    Come accedere    F.A.Q.    Promuovi    Dicono di diff    Amici di diff    
AmigaOS
Linux
FreeBSD
BeOS
OpenSource
Java
Database
Informatica
Hardware
E-Commerce
Narrativa

Installazione della distribuzione Linux Mandrake 7.0 (Air): una guida/recensione
di Roberto Rosselli Del Turco

Una volta terminata l'installazione ci troviamo, come di consueto, con un sistema notevolmente aggiornato e pronto per l'uso:

  • la versione di XFree86 è l'ultima disponibile (la 3.3.6; la recentissima 4.0 non è consigliabile per un'installazione non sperimentale) e garantisce il supporto per molte schede grafiche dell'ultima generazione (Matrox G400, Nvidia GeForce, Savage 4D, etc.);
  • la versione del kernel è la 2.2.14, migliorata con le patch disponibili al momento della distribuzione della 7.0;
  • il supporto per dischi RAID e per l'SMP è incluso nel prezzo :), ma questa raffinatezza è giusto la ciliegina sulla torta, dato che l'utente medio non avrà modo di sfruttare queste sottigliezze tecniche;
  • tutti gli eseguibili sono stati compilati con le opzioni di ottimizzazione per Pentium (pur restando una compatibilità totale con AMD e Cyrix), così da garantire un certo margine di velocità rispetto alle normali distribuzioni per processori 386 o superiori.

Devo ammettere che il costante aggiornamento e affinamento non solo del software di 'sistema', quello che viene prodotto in casa Mandrake per l'installazione e la configurazione di Linux, ma anche dei principali pacchetti di programmi inclusi nella distribuzione (applicazioni, gestori di finestre, ambienti come GNOME e KDE, etc.), costituisce il principale motivo per cui sono particolarmente affezionato a questa distribuzione.
Ho potuto constatare personalmente che si può attingere alla versione in via di sviluppo, la cooker, per aggiornare molti programmi: XMMS, Netscape, IceWM, etc.; ovviamente le cose si fanno più delicate per quanto riguarda quei pacchetti responsabili del funzionamento generale del sistema (initscripts, etc.), di cui sconsiglio l'aggiornamento: a parte l'indubbia validità della massima "if it ain't broken, don't fix it" (liberamente traducibile come "se non è rotto, non aggiustarlo", ovvero: se il vostro sistema funziona e i programmi che usate sono stabili pensateci bene prima di fare un aggiornamento a qualche versione beta o, peggio ancora, alfa!) meglio aspettare la prossima versione, visto che nella cooker potrebbero esserci modifiche e innovazioni tali da pregiudicare il buon funzionamento della versione corrente. screenshot


LINUX


Dott. Roberto Rosselli Del Turco
Ricercatore presso la FacoltÓ di Lettere dell'UniversitÓ di Torino, da lungo tempo utente amighista, in passato ha collaborato per circa un anno con Amiga Magazine. Dall'inizio degli anni '80 si interessa attivamente di informatica, in particolar modo per quanto riguarda le tendenze all'evoluzione e all'innovazione dei sistemi operativi contemporanei. Attualmente sta concentrando la sua attenzione su Linux e sul fenomeno del free / open source software.

Puoi contattare l'autore scrivendo a:
rrosselli@diff.org


 



© 1999,2000,2001,2002 NonSoLoSoft di Ferruccio Zamuner (Italia)- tutti i diritti sono riservati