[an error occurred while processing this directive]
diff logo Informatica e sistemi alternativi
su questo sito sul Web
    Home   Chi siamo    Contattaci    Scrivi per diff    Proponi un argomento 23/11/17
    Cos'è diff    Come accedere    F.A.Q.    Promuovi    Dicono di diff    Amici di diff    
AmigaOS
Linux
FreeBSD
BeOS
OpenSource
Java
Database
Informatica
Hardware
E-Commerce
Narrativa

Microsoft Windows NT Server 4.0 versus UNIX

di John Kirch
traduzione di Pietro Leone

torna alla pagina precedente

Introduzione

La scelta fra le diverse piattaforme può essere complicata per i dirigenti che non hanno un'esperienza specializzata nell'amministrazione di sistemi e di reti. In questo articolo Microsoft Windows NT Server è messo a confronto con UNIX, una famiglia di sistemi operativi commerciali e non con una comune origine e molte similitudini. Le principali aree di paragone sono quelle della funzionalità, della stabilità, dell'amministrazione del sistema e delle prestazioni. Questo articolo riguarda i server, non le workstation. Altri fattori, quali il prezzo del prodotto, la quantità e la qualità del software fornito in corredo ed una sezione dei più diffusi luoghi comuni su entrambi i gruppi di sistemi operativi, sono presentati per fornire una più ampia panoramica su questi prodotti. Le informazioni qui utilizzate derivano da diverse fonti: white paper, studi prodotti da terze parti, articoli di giornali specializzati ed osservazioni fatte da professionisti dell'industria dell'IT che hanno esperienza nell'implementazione e nell'amministrazione sia di Microsoft Windows NT sia nei vari sitemi operativi tipo UNIX.

Questo articolo deve essere considerato come in continuo aggiornamento. Chiunque voglia contribuire a questo progetto mi scriva una e-mail in inglese, è il benvenuto. Per favore, limitate le vostre missive a commenti costruttivi ed a critiche.

Sistemi operativi

Costo dei prodotti e delle licenze

Molti dirigenti concorderanno come il costo del semplice sistema operativo sia ininfluente quando si guarda il quadro completo. Nonostante Windows NT Server 4.0 possa essere più costoso di alcuni UNIX commerciali, lo si può ottenere per poco alle mostre-mercato.



Listino prezzi per Windows NT Server 4.0 (Fonte: Microsoft)
Prodotto Prezzo (US-$)
NT Server 4.0 (5-utenti) $809
NT Server 4.0 (10-utenti) $1.129
NT Server 4.0 Enterprise Edition (25-utenti) $3.999
NT Server 4.0 Enterprise Edition (50-utenti) $4.799
NT Server 4.0 Documentation Kit $69,95
20 Quantity Client License $329
Single Quantity Client License $19,95

Notazione numerica italiana

NT Server vale i soldi che costa? Vedi Le bugie di NT: Bugia 6 -- NT Server vale di più. Ciò che non è banale, comunque, è che un sistema operativo in questa fascia di prezzo non dovrebbe essere fornito senza un server telnet, uno per SMTP (e-mail), quote per i file system, un server per le news, o senza un server DNS che soddisfi il cliente (molti amministratori di NT sono un po' preoccupati nel dover utilizzare alternative di terze parti per i DNS). Per poter eguagliare le funzionalità di un'installazione di BSDI, sono necessari dei prodotti addizionali, della Microsoft o di altre ditte, che fanno lievitare il prezzo finale della configurazione di Windows NT intorno ai 4.000 dollari. Maggie Biggs, un'analista anziana di InfoWorld, che si è specializzata in database ed in design, sviluppo e messa in opera tramite intranet ed altri tipi di reti delle applicazioni, nel suo articolo, in cui compara NT 4.0 alla versione commerciale della RedHat di Linux (49.95 dollari), afferma che una configurazione di NT dalle funzionalità equivalenti costerebbe 4.636 dollari. In questo caso si può vedere come una oculata pubblicità possa distrarre gli acquirenti dalle loro reali necessità.

NT è spesso scelto per questioni di prezzo perché molti non vogliono spendere per il costoso hardware richiesto dagli UNIX commerciali. Più importante ancora, comunque, è il costo totale di implementazione, comprendente l'amministrazione del sistema, ma anche altri vari fattori, quali il tempo di fermo, chiamate telefoniche all'assistenza tecnica, perdite di dati a causa di malfunzionamente, ecc. Per una discussione più dettagliata sui costi occulti leggete il seguente articolo apparso su InformationWeek:

"I sistemi basati su Windows NT hanno un prezzo iniziale inferiore rispetto a quelli basati su UNIX, ma i costi di mantenimento e quelli di supporto possono essere molto superiori nel lungo periodo."

-- Martin J.Garvey, I costi occulti di NT, InformationWeek, 20 giugno 1998.

Tippett Studio, la compagnia responsabile degli effetti grafici del film Fanteria dello Spazio (titolo originale Starship Troopers), che ha ricevuto una nomination agli Oscar per i migliori effetti speciali, utilizza 130 workstation della Silicon Graphics  con IRIX, lo UNIX proprietario della SGI. Un dirigente dei Tippett Studio spiega perché usano IRIX su SGI invece di NT:

"I sistemi della SGI sono economici per ciò che fanno", dice Jeff Stringer, manager di Tippett Studio, "Il costo per il mantenimento di un sistema con NT è abbastanza alto se si considera il numero di amministratori di sistema che si devono assumere. L'assunzione è un problema rilevante per gli studi minori, confrontata con i super-studio, Tippett, che ha realizzato gli insetti che minacciano l'umanità in Starship Trooper, è un negozietto di effetti speciali".

-- Greg Lindsay, Tecnologia da Oscar, The Netly News, 27 febbraio 1998.

Per gli utenti più attenti ai costi, Linux, FreeBSD, NetBSD o OpenBSD  sono delle scelte ovvie, essi non costano nulla, sono stabili ed offrono un numero di servizi pari, se non superiore, a quello degli UNIX commerciali.

Su LAN Times, in un loro recente articolo su Linux, i giornalisti R. Scott Raynovich e Polly Sprenger fanno il punto della flessibilità del concetto Open Source  e su come le organizzazioni commerciali possono trarre da esso beneficii:

"... Linux può essere scaricato gratuitamente da Internet o può essere ottenuto ad un prezzo molto basso, inclusi il supporto e la documentazione, da un gran numero di rivenditori. Ciò lo rende un prodotto attraente per le compagnie che cercano di ridurre il costo delle licenze e della manutenzione dei sistemi operativi".

-- R. Scott Raynovich e Polly Sprenger, La forza di Linux dà nuova linfa agli scettici di NT, LAN Times, 17 agosto 1998.

Nel recente servizio di copertina di Linux su Software Magazine, Ann Harrison mette in evidenza come anche le grandi compagnie possono trovare un'attraente alternativa dal punto di vista economico nell'utilizzo di Linux per i propri server:

"Randy Kessels, dirigente del reparto analisi tecniche per un centro operativo della Southwestern Bell, fà notare che, poiché permette alla compagnia un maggiore carico di lavoro ed una più flessibile amministrazione di sistema da remoto rispetto ai prodotti della Microsoft e della NetWare, Linux ha abbattuto il loro costo di gestione della rete".

-- Ann Harrison, In Linux noi ..., Software Magazine, servizio di copertina, settembre 1998.

Un lettore mi ha avvertito che il menzionare Linux avrebbe diminuito la credibilità di questo articolo. Spero che dissentiate. L'esistenza delle alleanze menzionate nell'articolo Andreessen vede nel binomio Mozilla-Linux una minaccia per Windows  mostra chiaramente che Linux sta rafforzando la sua presenza nell'ambiente commerciale. (Per i neofiti del campo, Mozilla è il nome del codice di Netscape e Marc Andreessen è il co-fondatore ed Executive VP of Products alla Netscape). Da notare è anche l'alleanza fra Sun Microsystem  e Linux International. (Slashdot: La Sun si unisce a Linux International, 21 maggio 1998). Ecco un altro recente sviluppo per la Corel  nella sua relazione con Linux:

"... Corel, che ha già annunciato di volere costruire un network computer basato su Linux, ha affermato che il mese prossimo scaricherà sul suo sito vari strumenti di sviluppo per Linux, unendosi alle diverse aziende che supportano il movimento open source di Linux".

-- Erich Luening, Corel si unisce al partito di Linux, CNET News.Com, 8 maggio 1998.

L'ultimo intervento indica come Linux è sulla buona strada per penetrare i mercati importanti: Informix, Oracle pronti per convertirsi a Linux, (PCWeek Online, 20 luglio 1998), Oracle converte il proprio database per Linux, PCWeek Online, 20 luglio 1998) e Netscape: Linux massima priorità, CNET.

Storicamente le grandi corporazioni hanno sempre girato a largo dal software libero a causa dell'infondata credenza che qualsiasi cosa sia gratis non debba valere granché. La tendenza recente in alcune grandi aziende è quella di utilizzare sistemi operativi più economici a parità di prestazioni. La Hewlett-Packard utilizza Linux, invece del suo sistema operativo proprietario HP-UX per convertire il kernel Carnegie Mellon Mach sul processore HP PA-RISC per i loro progetti grafici. Schlumberger ha scelto Linux invece di SCO-UNIX per i suoi nuovi punti vendita di computer (Linux Journal, novembre 1997, Numero 43, pp. 83-4). È interessante notare che il SunWorld On-Line ha dato giudizi positivi su Linux in uno dei suoi articoli, Linux è pronto per le aziende".

L'articolo di copertina del numero di settembre del 1998 di Software Magazine  rivela quanto Linux sia riuscito a penetrare nell'ambiente corporativo americano e come non sia in procinto di lasciarlo:

"Tim Payne, direttore del marketing del database alla Oracle, ammette che molti dei propri clienti del mercato corporativo hanno fatto ingenti investimenti in Linux. Quando la Oracle in luglio ha annunciato che avrebbe offerto un supporto 24x7 (ventiquattr'ore su ventiquattro, sette giorni su sette) per Oracle8 su Linux, 300 clienti chiamarono il giorno seguente chiedendo lumi sulla disponibilità. `È solido, è molto testato e funziona comodamente su computer Intel ed è una reale alternativa a basso costo a NT' sostiene Payne. `Il fatto di poter ricevere supporto di alta qualità dalla Oracle per utilizzare Linux aiuta i nostri clienti ad adottarlo'."

-- Ann Harrison, In Linux noi ..., Software Magazine, storia di copertina, settembre 1998.

Poiché questi sistemi operativi sono di libero utilizzo anche nel contesto commerciale, molti ISP utilizzano Linux o FreeBSD. NetBSD "gira" su praticamente ogni piattaforma: EC Alpha, Motorola 68k (Amiga, Atari, MVME, Sharp, Sun3) PowerPC, Intel, DEC VAX, Acorn RISC, MIPS (Sony NEWS, DECstation), ecc. I fini principali di OpenBSD sono la sicurezza e la correttezza tecnica. Linux è il più popolare e funziona su un'ampia gamma di hardware: Sun, Intel, DEC Alpha, PowerPC, PowerMac, Motorola 68k, ecc. I recenti articoli di Paul Krill su InfoWorld  (Linux accende la caldaia e I sostenitori di Linux si stringono intorno ai sistemi operativi liberi) si occupano del sempre più vasto supporto dei grandi produttori e sui piani dei futuri miglioramenti, come il supporto del processore a 64bit dell'Intel, Merced. Al momento Linux è il sistema operativo che nel mercato ha la migliore percentuale di crescita. Per maggiori informazioni, vedi Linux Resource  o Red Hat Software.

Nicholas Petreley, editore capo di NC World ed articolista di InfoWorld a NT World Japan, fornisce una spiegazione per l'ascesa di Linux e FreeBSD nei dipartimenti di Information Technology:

"Gli studenti di ieri dei college formarono la loro esperienza di Unix su Linux e su FreeBSD. Oggi essi lavorano dei dipartimenti di IT e molti di essi sono apertamente ostili sia a Microsoft sia a WindowsNT. Come risultato Linux, BSD, Solaris ed altri tipi di UNIX hanno trovato posto nei dipartimenti IT, sia alla luce del sole sia in modo meno palese.

*** "Per esempio, siete sicuri che sia un server NT quello a cui siete collegato mentre lavorate? Impiegati IS in molte aziende hanno segretamente installato server UNIX che forniscono nativamente gli stessi servizi rete. Perché correre questi rischi? Linux e FreeBSD sono liberi, come lo è SAMBA, il programma che fornisce i servizi di rete. Quindi il dipartimento IS risparmia denaro. È improbabile che i dirigenti capiscano che dietro le quinte c'è UNIX anche perché meno persone si lamenteranno del tempo che il server rimane inutilizzabile.

"Meno persone si lamenteranno perché il server è più stabile di Windows NT. Linux, FreeBSD e BSDI sovrastano Windows NT di un buon margine su hardware dalle capacità limitate e, in alcune circostanze, può ottenere le prestazioni eguali od addirittura superiori a quelle di NT anche sul migliore hardware. Anche per quanto riguarda la scalabilità UNIX su Intel sta raggiungendo, e presto supererà, NT nel numero di processori che può utilizzare e su come li utilizza.

-- Nicholas Petreley, The new UNIX alters NT's orbit: Il nuovo UNIX altera l'orbita di NT: il riproporsi di UNIX minaccia di modificare il futuro sviluppo di NT), NC World, aprile 1998.

Anche il The Economist si sofferma sull'incalzante popolarità di Linux:

"Oracle, una marca database, sta pianificando di offrire una versione per Linux di alcuni dei suoi programmi.... Anche senza questo appoggio, Linux ha raggiunto un certo successo. In soli pochi anni, si è evoluto da un giocattolo per hacker in un software che, almeno in parte, è tecnicamente superiore a Windows NT.

-- Stephen Morley, La vendetta degli hacker (Revenge of the hackers), The Economist 11-17 luglio 1998. * Il collegamento non è più attivo. L'articolo può essere acquistato da The Economist dal loro archivio on-line.

Funzionalità

Cosa puoi aspettarti da Windows NT Server e da UNIX, una volta tolti dal loro imballaggio?
NT può comunicare con molti differenti computer, così come UNIX. NT può mantenere al sicuro dati importanti e può evitare l'accesso alla rete agli utenti non autorizzati, anche UNIX ne è capace. Essenzialmente entrambi assolvono i requisiti minimi richiesti a dei sistemi operativi che operino in un ambiente di rete. UNIX, però può fare tutto ciò che fa' NT ed anche di più.

NT è spesso considerato un sistema operativo "multi-utente", ma questa definizione è molto fuorviante. Un server NT può autenticare un utente autorizzato, ma una volta che l'utente sia collegato ad una rete NT, tutto ciò a cui avrà accesso saranno i file e le stampanti. L'utente di NT non potrà lanciare alcuna applicazione sul server (in modo da avvantaggiarsi della maggiore potenza di calcolo).

Potrà solo utilizzare particolari programmi che sono stati creati in due parti, quindi applicazioni di tipo client/server. Quando un utente si collega ad un server UNIX, può lanciare qualsiasi applicazione (sempre che abbia l'autorizzazione per farlo), sollevando il proprio computer del lavoro di elaborazione. Ciò include anche applicazioni dotate di interfaccia grafica poiché il software per il server X è standard su tutti i sistemi operativi UNIX.

Per molti settori degli affari la posta elettronica è diventata un insostituibile strumento di comunicazione e molte società gestiscono un loro sistema interno di posta elettronica. Con Windows NT per organizzare un server di e-mail dovreste comprare un pacchetto di programmi di terze parti.

I sistemi operativi UNIX sono già dotati di un programma chiamato sendmail. Vi sono altri programmi per server di posta elettronica (anche detti MTA, Mail Transfer Agent o meglio agenti per il trasporto della posta), ma questo è quello maggiormente utilizzato ed in più è libero.

Alcuni amministratori UNIX ritengono che exim  o qmail  siano delle scelte migliori in quanto sono di più facilmente configurabili rispetto a sendmail.

Anche questi ultimi, comunque, sono liberi anche se utilizzati in un contesto commerciale.

Molte ditte che si basano su NT usano come MTA Microsoft Exchange Server, questa è una soluzione costosa che ha avuto un successo limitato in campo corporativo. Microsoft Exchange Server Enterprise Edition, con licenze di accesso per 25 utenti costa 3.549 dollari americani, se avete più di 25 dipendenti, lo stesso pacchetto con 50 licenze costa 4.859 dollari (Fonte: Microsoft Per saperne di più vedere Sendmail contro Microsoft Exchange)

Poiché Microsoft vede in NT una reale alternativa a tutti gli altri sistemi operativi orientati alla rete sul mercato, UNIX e Novell compresi, ci si dovrebbe aspettare che NT sia venduto con tutti i necessarii strumenti per adempiere ai compiti di base richiesti: condivisione di file e di stampanti. Qualunque amministratore di sistema o di rete sa per esperienza che sono due i fattori importanti da tenere in considerazione quando si prepara un server o quando si aggiunge un nuovo utente ad una rete: la sicurezza, cioè le password ed i permessi sui file; e le quote per limitare lo spazio utilizzato da ogni singolo utente e gruppo. Anche se NT fornisce un sistema di sicurezza di base basato su password, nel caso si scegliesse di utilizzare il suo file system proprietario, NTFS, l'unica sicurezza garantita è quella a livello di file. Più importante è, comunque, che NT non ha alcun meccanismo di controllo per limitare lo spazio del disco fisso utilizzato dall'utente!

UNIX e Novell, dal canto loro, forniscono i programmi per compiere questo apparentemente semplice controllo.

La Microsoft, comunque, ha annunciato che il loro non ancora rilasciato NT Server 5.0 avrà "nuove caratteristiche per il controllo dei dispositivi di memorizzazione di massa, tra cui le quote..." (vedere il loro comunicato stampa, La versione beta di Windows NT 5.0 è stata spedita a più 200.000 sviluppatori.

Un altro difetto dei sistemi operativi della Microsoft è l'uso dell'antiquato metodo di nominare i dischi con singole lettere, come disco C:, disco D:, ecc. Questo sistema impone delle restrizioni sia agli amministratori del sistema, sia agli utenti.
Ciò è molto deleterio per gli ambienti in cui lavorano i server dove la condivisione della rete ed i file system servono a rendere la gerarchia del sistema commprensibile agli esseri umani. UNIX permette di montare dispositivi di rete in qualsiasi punto di un albero di directory. Una rete può essere distribuita su diversi dischi (ed anche su diverse macchine remote) permettendo comunque all'amministratore di mantenere una struttura di directory preesistente ben conosciuta dagli utenti, permettendo anche, di aumentare lo spazio su disco sul server in modo trasparente senza disturbare gli utilizzatori.
Questa singola differenza fra i sistemi operativi UNIX e Windows sottolinea le intenzioni originali dei loro rispettivi creatori:
UNIX fu concepito come un sistema operativo di tipo client/server per uso professionale, mentre Windows ed i suoi "discendenti" derivano dal DOS, un sistema operativo che non è mai stato concepito per avere un posto in un ambiente client/server.
Per avere informazioni più dettagliate su questo argomento, vedere l'articolo di nicholas Petreley Basterebbero meno dischi per far funzionare la maggior parte dei sistemi operativi del PC come Unix.

Per ultimo, ma non meno importante, i sistemi operativi di tipo UNIX sono dotati di vari linguaggi di scripting (Bourne Shell, Korn Shell, C Shell e, alcune volte, Perl, solo per citarne alcuni) e di un'utilità chiamata "cron" per pianificare il lancio dei programmi ad intervalli regolari (ogni n minuti, ogni n ore, una volta alla settimana, una volta al mese, ecc.). Cron è molto configurabile ed il suo utilizzo non è limitato agli esempi precedenti. In breve, l'unione fra un linguaggio di scripting e cron, fornisce all'amministratore di sistema uno strumento potente e versatile, un equivalente non si può trovare in Microsoft Windows NT Server 4.0. Buona parte del lavoro di amministrazione di UNIX è automatizzato e ritagliato su misura per le necessità del sito proprio tramite questi strumenti i quali, in effetti, diminuiscono drasticamente il costo del personale. Come un lettore mi fece notare, NT ha uno "Scheduler" ed un comando "at" ed anche che il Perl esiste anche su NT. Ciò è vero, ma comunque non mi sembra che il limitato ambiente di scripting di cmd.exe in combinazione con lo "Scheduler" o con "at" possano neanche lontanamente avvicinarsi alla funzionalità offerta dagli strumenti di UNIX da me menzionati. Un lettore, Neil McKellar, dà un eccellente esempio  a supporto di questa affermazione.

Lanciare un programma automaticamente è utile solo quando questo può funzionare senza alcun intervento umano. Molto di ciò che gira su NT è basato su una GUI e quindi richiede un'interazione con un amministratore umano. In effetti, i lavori compiuti automaticamente in molti siti sono creati e programmati appositamente dagli amministratori del sistema. In base alla mia esperienza nel campo dell'industria è un caso raro che il Perl sia installato su un server NT e che ci sia un amministratore che ne conosca le basi.
La spinta che porta a comprare componenti economici va a braccetto con la pratica di scegliere l'amministratore NT meno costoso: in fondo è NT, tutto ciò che c'è da fare e puntare e cliccare!

Tirando le somme, quando vi collegate ad una rete di NT, tutto ciò che potete fare è leggere file e stampare. In un ambiente UNIX, una volta che vi collegate ad un server UNIX, voi sarete su quella macchina e potrete fare tutto ciò che potreste fare se foste seduti davanti alla sua tastiera ed al suo mouse! Con NT non pensate che sia possibile preparare un server di posta elettronica con il software fornito. Avrete bisogno di comprare a parte un costoso server di e-mail come, per esempio, Microsoft Exchange Server. Se il vostro server NT è un server di file - e cosa potrebbe realmente fare di diverso? - non sperate di poter evitare che gli utenti blocchino il server intasandone i dischi con i loro dati.

La facilità di gestione e la possibilità di configurare un server senza obbligare a spegnere la macchina sono altri aspetti della funzionalità:

"Alcune versioni di UNIX (Linux, per esempio) supportano moduli caricabili di gestione dei device. Ciò significa che potete caricare Linux e riconfigurare il suo supporto per l'hardware ed il software al volo. Per esempio, potete fare il boot di Linux senza il driver per la scheda SCSI che avete installata. Potrete caricarne il modulo quando avrete bisogno di utilizzare una o più periferiche SCSI, come un disco ottico per il backup. Potete, poi, eliminare il modulo di gestione della scheda SCSI quando avrete finito. Potete anche caricare e scaricare il supporto per schede sonore, di rete -- anche file system come HPFS, FAT, VFAT ed altri (un driver per NTFS è in cantiere)."

"Qualsiasi UNIX con il supporto dei moduli caricabili è per sua stessa natura adatto per essere utilizzato come server perché praticamente nessun cambiamento di configurazione richiede che il sistema venga fatto ripartire.

"Windows NT non si avvicina nemmeno, anche cambiamenti insignificanti richiedono o necessitano dello spegnimento e la conseguente riaccensione del sistema perché le modifiche abbiano effetto. Cambiare l'indirizzo IP del vostro gateway ed avrete bisogno di un reboot, non potete nemmeno cambiare il tipo di modem che utilizzate per la vostra connessione PPP senza dover spegnere il sistema per aggiornarlo. Nessuna di queste limitazioni esiste in UNIX."

- -- Nicholas Petreley, The new UNIX alters NT's orbit: The re-emergence of UNIX threatens to modify the future direction of NT  (Il nuovo UNIX altera l'orbita di NT: il riproporsi di UNIX minaccia di modificare il futuro sviluppo di NT), NC World, aprile 1998.

Quando si analizzano le funzioni per un più sofisticato controllo della rete, sembra che Microsoft Windows NT Server 4.0 Enterprise Edition non possa reggere il confronto dei più maturi sistemi operativi commerciali UNIX. Anche se non è essenziale per le prestazioni della rete, il supporto dei 64-bit è già presente su UNIX (all'opposto NT è un sistema operativo ancora a 32-bit). D.H.Brown Associates Inc. riferisce i risultati della loro analisi (le seguenti citazioni, la tabella ed i tre grafici sono estratte da una pagina web del sito della Digital Equipment Corporation intitolato AIX 4.3 Leaps To 64-Bits In Dead Heat With Digital Unix 4.0):

AIX 4.3 è davanti a tutti per quanto riguarda le caratteristiche inerenti l'utilizzo delle reti, sia Internet, sia Intranet, fornendo il più vasto campionario di estensioni TCP/IP ed includendo il server Notes. Lo UNIX della Digital è secondo in graduatoria per quanto riguarda la sicurezza in rete tramite delle solide estensioni TCP/IP e, includendo Netscape Gold, dà non solo la possibilità di visualizzare le pagine web, ma anche di comporle.
Lo UNIX della Digital, manca, però, delle caratteristiche avanzate di NFS, quali CacheFS ed AutoFS. Irix 6.4 si piazza terzo fornendo il supporto completo di NFS e funzioni per la sicurezza in rete solide quanto quelle della Digital, manca della network time facility (NTP) e di alcune caratteristiche avanzate del protocollo TCP/IP quali IPv6 ed IPSec.
Di seguito abbiamo la Sun con un buon supporto di NFS e la seconda piazza per quanto riguarda le estensioni TCP/IP, si basa però su un server web proprietario, invece di Netscape o Microsoft od Apache, e manca di strumenti per la composizione di pagine web così come dell'implementazioni di importanti servizi quale il Novel Directory Service. HP, con il suo HP-UX, fornisce un solido supporto per Internet e per la sicurezza in rete, grazie alle sue funzioni avanzate per i protocolli di Internet, mentre rimane indietro per quanto riguarda il supporto ad NFS. HP-UX ed AIX sono al primo posto nell'implementazione di NDS. Mentre Microsoft NT 4.0 fornisce un supporto alle reti, sia Internet sia intranet, che si attesta su un buon livello, NT arranca dietro i grossi nomi di UNIX a causa di una pessima implementazione del NDS, della sicurezza di rete, di NFS e di un esiguo numero di estensioni per TCP/IP. La Microsoft ha focalizzato la sua attenzione nel tentativo di migliorare il suo pacchetto di prodotti per il suo server web e la sua Java Virtual Machine.

HP-UX 11.0 Solaris 2.6 Aix4.3 Irix6.4 Digital Unix 4.0d NTS 4.0/EE
Estensioni            
IPSec No No No
IPv6 no no
RSVP partial no
IP Multiplexing no no no
ip multicast partial
Performance Optimizations            
telnet in kernel no no no no
kernel sockets no no
tcp large windows no no
zero copy tcp/hardware checksum no no no no
path mtu discovery no no no
openshortestpathfirst (ospf) no no
rtp: real time protocol no no no no
rtcp: real time control protocol no no no no
parallelized tcp/ip no


Internet/Intranet NETWORKING FEATURES

Networking Features Graph

RELIABILITY AND SCALABILITY

Reliability and Scalability Graph

SYSTEM MANAGEMENT

System Management Graph

Copyright Digital Equipment Corporation 1995-1998. All Rights Reserved.

VedereVedere anche la pagina di D.H.Brown, Operating System Scorecard

Affidabilità

Nel mondo di oggi, la stabilità è spesso più importante della velocità. Anche se le prestazioni sono fondamentalmente dipendenti dall'hardware (vedere la prossima sezione), è nel campo della affidabilità che la scelta del sistema operativo ha il maggiore impatto. Anche se questo disponesse di più funzioni, fosse più scalabile ed offrisse una grande facilità di gestione del sistema, che utilità avrebbero queste caratteristiche qualora un server dedicato a processare transazioni finanziarie in tempo reale fosse martoriato da continui blocchi che ne rendessero inaccettabile il tempo di fermo? L'analogia fra questa situazione e quella di una veloce ed economica automobile sportiva con molti optional che si ingolfa ripetutamente nonostante le frequenti visite ai centri di riparazione autorizzati è abbastanza rappresentativa di Windows NT.

Molte volte si sente riferirsi a Windows NT Server come un sistema operativo "stabile", ma questa definizione non è molto precisa.
Se lo fosse non esiterebbero articoli quali NT Lies (Le bugie di NT): Lies 5 - NT is robust and crash-proof (Bugia numero 5 - NT è robusto ed a prova di blocco), Software glitches leave Navy Smart Ship dead in the water (Le bizze di un programma lasciano a mollo la nave intelligente della Marina americana) di Gregory Slabodkin, Government Computer News del 13-07-1998, Corporate IT needs an engine that never quits (L'ambiente corporativo dell'Information Technology necessita di un motore che non si spegne mai) di Peter Coffee, PC Week 30-03-1998 oppure We do not have a failure to communicate (Non abbiamo nessun problema da segnalare) di Peter Coffee, PC Week, 13-04-1998.
Quando l'autore di questi due articoli pose la domanda: "Che cosa usate quando il fallimento non è un'opzione accettabile ?" è stato letteralmente bombardato da un numero triplo rispetto a quello normale di vibranti e-mail di risposta. Riguardo a queste risposte egli fa notare:

"Devo far notare il fatto che io non abbia ricevuto neanche una e-mail che sostenesse che Windows NT fosse sufficientemente stabile, anzi, al contrario, molte lettere esprimevano una rassegnata sicurezza sul fatto che Windows NT 5.0 sarebbe rimasto a guardare, appesantito da servizi aggiunti ancora immaturi, ma senza raggiungere nelle sue funzioni di base la stabilità richiesta da un ambiente corporativo."

"Ho letto di un lettore che nel suo sito Linux su un 486 sovrasta Windows NT su un Pentium a 200Mhz e che ha delle macchine con Linux che sono in funzione ininterrottamente da prima che fosse rilasciato Windows NT 4.0."

"Ho anche letto a riguardo di un sito di una grande industria dove Linux è considerato una scelta sicura, in quanto l'accessibilità dei sorgenti viene considerata di gran lunga più utile dei dubbi vantaggi del supporto di venditori più tradizionali. Ciò che altri promettono per il futuro, Linux lo fornisce ai proprii utenti adesso, ad un prezzo minimo."

- -- Peter Coffee, We do not have a failure to communicate  (Non abbiamo nessun problema da segnalare), PC Week, 13-04-1998.

In effetti, Windows NT è un netto miglioramento rispetto a Windows 3.1 o Windows 95, ma ha ancora molta strada da fare prima di raggiungere il livello di stabilità offerto persino dai sistemi operativi UNIX Open Source (quindi liberi). Quando lo si confronta con Solaris della Sun Microsystem non c'è proprio paragone. Al recente Microsoft Global Summit, Barbara Darrow e Stuart Glascock, giornalisti di Computer Reseller News, intervistarono alcuni partecipanti:

"Abbiamo una macchina con Solaris che non è mai stata fermata da due anni," dice James Domengeaux, presidente di Comspace.Com, una ditta di vendita tramite Web con sede a Houston. I server NT, invece, devono essere fatti ripartire diverse volte - dice - e questo è un problema specialmente nel commercio elettronico dove si parla di avere diverse transazioni al secondo, infatti quante ne verrebbero perse ?".

- -- Barbara Darrow e Stuart Glascock, Microsoft Admits NT Trails Solaris (Microsoft ammette che NT insegue Solaris), Computer Reseller News, 28 giulio 1998.

La mancanza di stabilità di Windows NT è ormai riconosciuta, ma i dirigenti tentano di trattare l'argomento con molta discrezione, un professionista dell'Information Technology dice:

"Conosco tre aziende che stanno silenziosamente utilizzando sempre di più UNIX... a spese di NT, questo perché NT si blocca troppo spesso," afferma Peter Flynn, un consulente di Cork, in Irlanda. NT va in "crash" troppo spesso per i gusti di molti dirigenti IT. Cause tipiche sono violazioni di accesso e errori di I/O."

"Queste ditte non sono propense a parlare delle loro decisioni a causa di `pressioni dall'alto', dice Flynn. La sindrome del comprare-solo-Microsoft ha preso il posto di quella comprare-solo-IBM, ed i dirigenti che decidono (in contrasto con i suggerimenti degli esperti di informatica) di utilizzare NT invece che UNIX sono poco propensi ad perdere credito", aggiunge.

- -- Mark Gibbs, Lookin' into Linux  (Uno sguardo a Linux), Network World, 30 marzo 1998.

Ogni professionista dell'Information System che abbia lavorato in un ambiente Windows NT ha una conoscenza molto intime dello "Schermo blu della morte", una situazione nella quale il normale ambiente a finestre sparisce completamente ed è rimpiazzato da uno schermo colmo di numeri esadecimali su sfondo blu. L'unico metodo per recuperare da questa situazione è quello di spegnere e riaccendere la macchina. Le cause dello schermo blu in NT sono varie, per mia esperienza le seguenti situazioni possono provocare questa situazione di emergenza:

  • quando vengono utilizzati entrambi i protocolli IPX/SPX e TCP/IP ed i tecnici attribuiscono alla macchina un indirizzo IP di una differente sotto-rete;
  • quando una delle applicazioni Visual Basic a 16-bit non viene lanciata in uno spazio di memoria separato: NT non è configurato per lanciarli in una parte separata della memoria, questo comportamento deve essere selezionato a mano per ogni singola applicazione a 16-bit residente sulla macchina!
  • alcuni tipi moduli di memoria o di cache possono indurre questo stato anche se gli stessi funzionano perfettamente sotto altri sistemi operativi, come Windows 95.

In certe situazioni, anche Linux può dare problemi con l'hardware. Personalmente non ne ho mai avuto esperienza nonostante abbia installato Linux su molte differenti piattaforme, ma può capitare. Sembra accadere soprattutto quando si compila il kernel su una macchina con memoria difettosa. Per maggiori informazioni vedere Signal 11 (Segnale 11). La lista precedente non è assolutamente completa, infatti Tim Newsham, un programmatore che lavora sia sotto Windows sia sotto UNIX, considera questa breve lista molto fuorviante:

"Nella sezione dedicata allo "Schemo Blu della Morte" sono elencati alcuni motivi che possono provocare uno Schermo Blu, ma penso che questa breve lista possa confondere il lettore: vi sono così tanti motivi che possono indurre al blocco NT che elencandone una piccola parte si rischia di dare un'impressione sbagliata. Più dannoso ancora è il fatto che siano elencati casi in cui il danno venga causato dall'utente alla tastiera, mentre i motivi che possono partare ad un blocco di NT possono risiedere nelle operazioni compiute giornalmente dal sistema (come per esempio fare funzionare troppe applicazioni per troppo tempo porta a bizzarri blocchi senza nessun apparente motivo). In più gli utenti più smaliziati e maliziosi possono causare dei "crash" sfruttando le pessime implementazioni dei moduli software quali il programma di login (LSA) oppure quello del TCP/IP.

Lo "Schermo Blu della Morte" può essere comune in certi ambienti di calcolo ed è molto difficile ovviarvi a causa dei criptici o quasi inesistenti messaggi di errore.
Oltre a ciò NT su piattaforma Intel è particolarmente vulnerabile agli attacchi dei virus. Per i sistemi operativi installati su hardware della Intel che necessitano di partire da disco fisso, come i server NT, il Master Boot Record (MBR) può essere la loro morte. Linux, così come diversi altri UNIX installati su Intel, al boot hanno la possibilità di caricare un kernel compresso da un dischetto, aggirando quindi il problema.
Ciò significa che un server NT può essere compromesso, almeno in teoria, da un virus scritto 10 anni fa per computer che utilizzavano MS-DOS. Chiunque stia pianificando di utilizzare un server NT in un punto chiave di un ambiente di lavoro dovrebbe prendere in considerazione questo fatto. Io ho incontrato virus dell'MBR in un ambiente corporativo in cui si usava Windows NT 4.0 (senza alcun client Windows 95), ed i suoi effetti sono stati devastanti. Oltre a ciò, la maggior parte dei virus che possono bloccare un sistema operativo Windows non hanno alcun effetto su un sistema operativo UNIX poiché essi richiedono per funzionare e fare danni un ambiente MS Windows.

Un caso realmente accaduto che ha coinvolto NT è riportato dal responsabile del Dipartimento dei Sistemi Informativi della University of Nebraska Press, Quinn P.Coldiron, il quale scrive,

La vita, dopo aver "spostato" Cats [un sistema per accoglimento degli ordini ed inventario] su NT è stata un incubo. Il sistema andava in crash due o tre volte al giorno senza che ne potessi trovare una ragione. Sono stato in contatto telefonico sia con la Cats sia con la Microsoft costantemente, ma nessuno è riuscito ad aiutarmi. La Microsoft mi ha fatto applicare i Service Pack dall'uno al tre ed alcuni HotFix, che hanno effettivamente migliorato la situazione, ma il sistema si bloccava ancora almeno due volte la settimana con l'infame "Schermo Blu della Morte". Dopo alcune settimane e 1.500 dollari spesi in supporto telefonico della Microsoft, il supporto tecnico mi disse che avrei dovuto procurarmi un programma migliore del The Cat's Pajamas. Questa non era assolutamente la soluzione che stavo cercando poiché questoè il software che una buona parte della nostra rete utilizza, quindi sono stato obbligato a riesumare i vecchi server della Novell fino a quando non fossi riuscito a trovare qualche soluzione. ... Quattordici mesi dopo stiamo utilizzando Linux come nostro server.

L'equivalente di UNIX dello "schermo Blu della Morte" è chiamato "kernel panic". Esso, ovviamente esiste poiché ne ho sentito parlare ed ho letto a riguardo, ma, durante la mia carriera professionale, non ne sono mai stato testimone. Anche se sono sicuro che i server UNIX qualche volta si blocchino, normalmente è a causa di problemi hardware di qualche tipo. I programmi che possono dare problemi in un ambiente UNIX, normalmente, si fanno riconoscere in un certo periodo di tempo, qualche volta a causa di una graduale degradazione delle prestazioni del sistema, dando all'amministratore ampio margine di tempo per scoprire il problema, per correggerlo e per fermare e riavviare il processo (veramente di rado l'intera macchina !) che ne era la causa. In generale un server UNIX viene fermato solo nei seguenti casi:

  • a causa di problemi hardware, come, per esempio, la rottura di un disco fisso
  • se è necessario fare un aggiornamento dei componenti
  • se c'è stata una lunga interruzione di corrente ed il gruppo di continuità di scorta si è esaurito
  • se si sta testando un kernel non stabile (cosa non raccomandabile in un ambiente di produzione)

Se nessuna delle precedenti situazioni si verifica, allora il tempo di utilizzo ininterrotto di una macchina UNIX può essere dell'ordine degli anni.
NT, invece, non può raggiungere questi periodi di uso continuato. Anche se si riuscisse ad eliminare lo "Schermo Blu della Morte", NT è schiavo del suo stesso design ed utilizza dei file di configurazione binarii difficili da ricreare, come, per esempio, il file di registro. Vedere qui a riguardo di un'imponente blocco di NT che rese inutilizzabili per ogni uso di rete 10.000 macchine NT.



Gestione del sistema

L'argomentazione che Windows NT sia di più facile gestione grazie alla sua interfaccia grafica (GUI, Graphic User Interface) è infondata. La superiorità, ammesso che ci sia, della GUI nei confronti dell'interfaccia via tastiera (CLI, Command Line Interface) è opinabile. La prima affermazione è che Windows NT abbia un vantaggio rispetto ad UNIX a causa della sua GUI. Ciò è errato in quanto anche i sistemi operativi UNIX ne possiedono una (vedere questa immagine).

"NT ha da tempo una intuitiva interfaccia grafica per gestire i singoli sistemi, beneficiandosi decisamente della grande rassomiglianza della sua GUI con quella di Windows95. Appena, però, gli utenti iniziano a "piazzare" un gran numero di server, soprattutto geograficamente separati, alcune delle manchevolezze dell'architettura di NT nella gestione dei sistemi vengono a galla, e sono soprattutto dovute alla sua progettazione come sistema a singolo utente. Progettato per la multi utenza UNIX consente l'accesso remoto a livelli multipli, permettendo il login tramite una sessione a caratteri, via telnet, di modificare i file di configurazione, lanciare programmi dotati di un'interfaccia grafica grazie possibilità di lavorare in rete dell'X-Window system e, adesso, anche grazie alle versioni Java dei programmi di gestione del sistema. NT, al momento, non possiede alcuna di queste possibilità. Inoltre, la gestione remota di NT normalmente richiede o l'assunzione di un esperto sul posto, cosa che la Microsoft spera sia abbastanza facile grazie alla diffusione di NT ed alla sua rassomiglianza con Windows95, oppure l'utilizzo del sistema di gestione a più livelli proposto dalla Microsoft stessa o da terze parti. Nessuna delle opzioni, comunque, raggiunge l'efficienza di gestione di sistemi UNIX distribuiti.

- -- Estratto da: An In-Depth Analysis of Five Commercial UNIX e Windows NT 4.0 (Enterprise Edition) (Un'analisi approfondita di cinque UNIX commerciali e Windows NT 4.0) di D.H. Brown Associates, Inc.

Vedi anche NT Lies: Lie 9 - Zero administration is here (tratto da "Le Bugie di NT:", la "bugia 9 - zero tempi di amministrazione del sistema").


Performance

La forza di calcolo è per lo più funzione dell'architettura hardware che del sistema operativo.
Poiché alcuni UNIX commerciali funzionano solo su server o workstation di fascia alta sarebbe ridicolo paragonare un IBM SP2, un Sun Enterprise 10000, o un Sun Enterprise 450  a qualcosa prodotto da Dell o Compaq.

UNIX storicamente è stato un sistema operativo per hardware di alto livello, e dire che esso sovrasta NT basando i risultati su hardware diverso sarebbe ingiusto per Microsoft.
Per contro la stessa Microsoft ha ridotto, anziché aumentare, il numero di architetture hardware supportate dai propri prodotti.
NT per MIPS è stato abbandonato, così come quello per Alpha mentre il supporto per il PowerPC è stato solo studiato marginalmente ma mai realizzato.
NT ora si è ridotto al solo supporto delle architetture x86 che rimangono i "server dei poveri" nell'ambito dell'Information Tecnology.

La mancanza di affidabilità di NT è solo superata dalla sua mancanza di scalabilità:
La superiore scalabilità raggiunta dagli UNIX commerciali grazie al supporto di una vasta gamma di soluzioni hardware (per potenza di calcolo e costi) è la principale ragione dell'impossibilità dell'adozione di NT nelle grandi industrie: con la loro forte necessità di risorse di calcolo non possono passare ad NT nemmeno se lo desiderassero.

Mary Hubley, direttrice ricerche del GartnerGroup sostiene nel suo articolo NT vs UNIX: la forza irresistibile contro un oggetto innamovibile (gennaio 1998) che la percezione del pubblico sulla superiorità di NT si basa essenzialmente sul marketing Microsoft:

"Molta gente crede che NT sia più semplice da usare di quanto lo sia realmente, che sia scalabile e potente per fare tutto ciò che UNIX consente di fare.
Ma buona parte di queste credenze non sono reali bensì basate sulla massiccia comunicazione marketing della stessa Microsoft.

Se le prestazioni di Windows nella condivisione di file sono ritenute importanti allora bisognerebbe considerare la scelta di una configurazione server di una macchina SGI con IRIX, che ha letteralmente vinto ogni record di velocità per questo servizio:

"Samba 2.0 è stato recensito usando il benchmark di Ziff-Davis NetBench (R), come il più veloce file server Windows, raggiungendo i 193 megabits al secondo, su una Silicon Graphics(R) Origin 200 (R) con 60 macchine client Windows connesse."

Salba Team ha rilasciato Samba 2.0: il software per il più performante Windows file server al mondo  come annunciato sulla mailing list di Samba (samba-announce@samba.org, versione HTML gentilmente offerta da Linux Weekly News

Questo annuncio rivela anche uno dei molti fattori importanti dell'interoperabilità con i domini Windows NT:

"Tra le caratteristiche di Samba 2.0 c'è, con la prima implementazione non-Microsoft del protocollo di autenticazione dei domini Windows NT, la possibilità di inserire senza pena il server Samba 2.0 in un dominio esistente Windows NT."

Per maggiori informazioni, prova a visitare uno dei tanti mirror dedicati a Samba  localizzati in oltre 20 nazioni.

Un articolo di Ann Harrison degli Southwestern Bell fornisce l'ennesima testimonianza di come Linux sovrasta NT:

Randy Kessell, manager delle analisi tecniche per un centro operativo Southwestern Bell, ... aggiunge che la sua azienda sta pensando di sostituire i loro server di rete NT con Linux. "I nostri test preliminari mostrano che la soluzione Linux è più vantaggiosa e più veloce rispetto ad NT"

-- Ann Harrison, In LINUX We ..., Software Magazine, Cover Story, Settembre 1998.

La European MikroGraf Corporation  ha pubblicato i risultati del proprio test comparativo Unix vs. NT  nel quale spiega:

Diverse volte in un mese, i clienti nell'industria stampa e pre-stampa ci chiedono quale piattaforma server devono usare: Unix o Windows NT. Windows NT può essere accettabile per un carico medio giornaliero per una media azienda, ma non gestisce i carichi che un editore di solito ha la necessità di sostenere sui server.

È interessante notare come nella relazione Unix vs NT  della MikroGraf siano stati eseguiti due test su quattro sullo stesso hardware, un Digital Model 2100: una volta con lo Unix Digital e l'altra con Windows NT sulla stessa macchina.

Per essere corretti, si dovrebbe paragonare le prestazioni del server NT con quelle di Linux o FreeBSD, poiché tutti e tre i sistemi operativi funzionano sulla stessa architettura Intel.
Sfortunatamente, un'analisi veramente oggettiva dovrebbe essere basa su un insieme completo di benchmark mentre di solito ci si focalizza solo su aree specifiche, come la misurazione delle prestazioni sul web: Caldera OpenLinux vs Windows NT: un test sulle prestazioni Web.
In generale i professionisti dell'Information Tecnology si trovano d'accordo che sia Linux che FreeBSD sovrastano di gran lunga NT.
Considerando che questi sistemi hanno la possibilità di ricompilare il kernel, essi possono permettere all'amministratore UNIX di utilizzare solamente quelle parti che realmente gli sono utili nel caso specifico, questa caratteristica già da sola permette un vantaggio certo in prestazioni rispetto ad NT.

Qualsiasi sistema operativo che richieda poche risorse supererà di certo in prestazioni uno così avido come NT. UNIX non richiede una interfaccia grafica, NT si` e chiunque sa quanto spazio su disco ed in memoria richieda una GUI. Lo stesso dicasi dei file sonori che sembrano rivestire molta importanza nei sistemi operativi della Microsoft.

I test di velocità eseguiti su sistemi operativi UNIX simili usando il medesimo hardware sono piu` significativi. Net Express, un rivenditore presente in Internet di componenti basati su x86 dell'Intel, i cui sistemi sono "studiati per scienziati, ingegneri e per l'industria delle telecomunicazioni", mostra quali risultati si possano raggiungere scegliendo il sistema operativo appropriato:


Benchmark per UNIX versione 3.2 della Byte rivolto alla comparazione di sistemi operativi:

Vi presentiamo i risultati di questo benchmark per paragonare le prestazioni di tre popolari cloni di UNIX, i test sono stati condotti su macchine dotate di un Pentium 133Mhz, di 32Mb di RAM, di un chip-set basato su Triton-II 430HX ed un controller SCSI BusLogic:

System Bytemarks
Linux on a Pentium 133MHz 12.2
BSD on a Pentium 133MHz 9.8
Solaris 2.5 on a Pentium 133MHz 6.2
Solaris on a Sun Sparc-II Ultra 167MHz System 13.7
Solaris 2.5 on an Orion Pentium Pro 200MHz 13.5

Da questi risultati possiamo vedere come Linux sia molto efficiente, il punteggio ottenuto su un P133 e` molto vicino a quello ottenuto da Solaris su una SparcUltra a 167Mhz o su un PentiumPro a 200Mhz!!!

Copyright © 1996 Net Express All Rights Reserved.


Forse un esempio dei miglioramenti delle prestazioni che ci si possono aspettare scegliendo un sistema operativo UNIX insieme con il server web Open Source Apache si puo` trovare nell'articolo di Sean Fulton che apparve su INTERNETWEEK il 5 maggio 1997 dal titolo "Towers of Power -- We test five muscolar Web servers aimed at high-end intranet applications.

Per NT, i risultati del test erano leggermente devastanti:

"La macchina proposta dalla Telenet System Solutions e` quella che ci ha procurato maggiori sorprese durante i nostri test, un sistema dotato di una sola CPU e del sistema operativo BSDi ha raggiunto, ed in molto casi superato, macchine dotate di due CPU e di Windows NT

I fattori discriminanti sono stati il sistema operativo BSDi versione 3.0 ed il server HTTP Apache. Tutte le macchine dotate di doppio processore montavano WindowsNT versione 4.0 ed il server Internet Information Server versione 2.0 della Microsoft."

Sempre rimanendo nell'ambito delle prestazioni dei server web, la IBM si e` guadagnata il titolo del piu` veloce con l'introduzione del nuovo microprocessore PowerPC RS64-II a 262 Mhz:

"In base ad alcuni test effettuati dalla IBM il nuovo processore rendera` l'S70, quando utilizzato in certe configurazioni, uno dei piu` veloci server web sul mercato. Nella configurazione a 12 vie l'S70, nel test SPECweb96, ha ottenuto 9.081 operazioni HTTP al secondo, il primo sistema a superare la barriera della 9.000 operazioni.

-- James Niccolai, New chip to debut in IBM's RS/6000 Model S70  (Un chip nuovo debutta sul modello S70 della serie RS/6000 della IBM), InfoWorld Electric, 12 agosto 1998.

Per necessita` di potenza di calcolo da parte di un'azienda, utilizzare il clustering con Linux puo` dare risultati sorprendenti ad un prezzo modesto. In un recente intervento di Michael Stutz, si evidenzia come il progetto Beowulf della NASA sia un esempio delle potenzialita` dei sistemi operativi Open Source di tipo UNIX come Linux nel campo del calcolo intensivo:

"Date un'occhiata a Beowulf, un sistema che utilizza un'architettura a processi paralleli che usa come sistema operativo Linux. Una macchina e` il server e distribuisce il lavovo a tutte le altre macchine che sono i client."

"Il costo totale dell'hardware di un cluster Beowulf di 24 nodi e` di 57.000 dollari, paragonate questa spesa con quello dei moderni supercomputer, che costano fra i 10 ed i 30 milioni di dollari. Il cluster ha una velocita` di scansione di 2.4 gigabyte al secondo, cio` vuole dire che un disco fisso da 200 gigabyte puo` essere analizzato in 20 secondi. Mentre sono state necessarie da cinque a sette settimane per analizzare le prove di diverse intrusioni nel recente caso Israeli, secondo Telleur lo stesso lavoro avrebbe richiesto solo poche ore con Beowulf.

"Il progetto Beowulf e` stato sviluppato alla NASA da Thomas Sterling e Donald Becker nell'estate del 1994; adesso chiunque puo` comprare il CD-ROM contenente Beowulf, Extreme Linux  della RedHat Software, per 29 dollari.

-- Michael Stutz, NASA Greets Beowulf, Wired News, 17 agosto 1998.

Sicurezza

Questo argomento e` troppo vasto e complesso per essere affrontato in modo completo in questo articolo, la sicurezza e` comunque molto importante. I seguenti rimandi sono un eccellente punto d'inizio per confrontare le debolezze nella sicurezza dei varii sistemi operativi:


Alcuni errori comuni

NT e` un sistema operativo giocattolo.

Per essere un sistema operativo che si e` evoluto da un OS giocattolo, offre alcune funzionalita` professionali. Anche se non e` molto scalabile e le prestazioni diminuiscono con piu` di quattro CPU, ha fatto molta strada. Anche se non posso raccomandarlo come sistema operativo in ambiente aziendale, potrebbe fornire prestazioni soddisfacenti per una piccola ditta con meno di 250 utenti che non debba garantire il funzionamento di processi di importanza critica. Tenete comunque a mente che un singolo server NT non e` sufficiente per servire 250 utenti. Il consiglio generalmente fornito e` di avere un PDC (Windows NT Primary Domain Controller) e due BDC (Backup Domain Controller). Avere altre applicazioni importanti funzionanti sul PDC non e` consigliabile. Nel caso fossero richiesti servizi quali RDBMS, posta elettronica, web ed altri tipici servizi per la rete, tre server NT saranno insufficienti.

Convertendo tutto a Windows NT un'azienda puo` eliminare il problema di avere un ambiente di rete eterogeneo.

Questa affermazione si basa sul presupposto che un ambiente di rete eterogeneo sia un problema, io una volta ho lavorato in una ditta in cui NT e Novell convivevano con conflitti veramente minimi. E` un dato di fatto che questa coesistenza e` dovuta al fatto che Novell superava di gran lunga le prestazioni di NT nei servizi di condivisione dei file e delle stampanti. Con UNIX si puo` creare un ambiente di condivisione di file e stampanti completamente compatibile con quello della Microsoft senza che l'utente neanche sappia che i servizi sono gestiti da UNIX, per quello che essi sanno e` un server NT. Questa funzione e` inserita all'interno del sistema operativo della Sun, Solaris. Linux, per questo compito, si appoggia ad un pacchetto dedicato, Samba, che viene fornito in molte distribuzioni.
Samba e` disponibile per praticamente tutti gli UNIX ed e` stato anche portato su altre architetture come VMS, MVS, OS/2, Stratus-VOS, Amiga, Novell e MPE/iX.

UNIX e` un sistema operativo obsoleto, criptico e basato solo su un'interfaccia a linea di comando.

Assolutamente falso!
CDE (Common Desktop Environment) e` una GUI (Graphical User Interface: potete usare il mouse per puntare e cliccare ed usare il drag'n drop in un variopinto ambiente grafico, questa e` la filosofia che ha portato al successo WindowsNT. CDE e` fornito con molte delle distribuzioni commerciali: Solaris  di Sun, AIX  della IBM, HP-UX della Hewlett Packard, Digital UNIX della DEC, solo per nominarne alcuni. Per circa 90 dollari potete procurarvi CDE se siete insoddisfatti da tutte e quattro le GUI presenti su Linux: OpenLook, la GUI utilizzata da Solaris; FVWM, Open Source e` molto simile a Windows 3.1; o FVWM-95, anch'essa libera, riprende molto lo stile di Windows95 (guardando una singola finestra non e` possibile distinguere FVWM-95 da Windows95). TWM e` il predecessore dei varii window manager FVWM che vengono forniti con Linux.
Se non avete mai avuta l'opportunita` di sedervi davanti ad un computer con installato UNIX, qui potete trovare alcuni esempi di schermate dei seguenti window managers:
Enlightenment, CDE, e poi TED (il CDE della TriTeal per Linux), KDE, FVWM 1.24, FVWM 2.x, FVWM-95, olvwm (OpenLook Virtual Window Manager).

Queste sono solo alcune delle interfacce grafiche disponibili agli utenti UNIX. La guida ai window manager per i sistemi dotati di X-Window  di Matt Chapman e` un'eccellente lettura a questo riguardo. Troverete molte piu` immagini su questo sito di quante io avrei potuto mettere qui.
Notate, pero`, che tutte queste interfacce sono molto configurabili, non stupitevi se le schermate basate sullo stesso window manager appaiono completamente differenti. Come Matt afferma nel suo sito: "C'e` poco da fare, le persone sono differenti e quelle che usano il computer lo fanno in modi diversi per compiti differenti, quindi perche' dovremmo essere obbligati ad usare (subire ?) la stessa interfaccia ?" Ironicamente e` l'interfaccia grafica della Microsoft che manca di una grande configurabilita`.

Per quanto riguarda l'affermazione che UNIX non sia al passo con i tempi, bisogna ricordare che e` il sistema d'elezione per i campi scientifici, di ingegneria ed universitari. Molti ingegneri sceglierebbero UNIX rispetto ad NT senza alcuna esitazione, esso sono perfettamente consapevoli della sue possibilita` di configurazione e di adattabilita` per essere ottimizzato per compiti specifici. Le impressioni dei lettori di isd confermano questa opinione:

"Come pensavamo, molti ingegneri sono adamantini nelle loro decisioni: essi vogliono che i loro programmi girino sotto UNIX, in piu` sono convinti che Linux sia ottimo sotto ogni punto di vista, mentre NT no. Purtroppo sono anche consapevoli che l'eccellenza dal punto di vista tecnico non dia quote di mercato, ma sono altrettanto convinti che in questo caso dovrebbe accadere.

Anche se gli utenti sovrastimano Linux, siamo molto stupiti della quantita` e qualita` delle risposte.

-- Murry Shoshat, Engineers Speak Out, Part 1 (La parola agli ingegneri: Linux contro Windows NT, parte 1), Integrated System Design Magazine, luglio 1998.

Molti stanno comunque convertendosi ad NT, noi dovremo gradualmente rimpiazzare i nostri sistemi UNIX con dei server NT.
E' la strada del futuro.

Se parlate con un dirigente MIS di una grande compagnia che abbia utilizzato Novell ed UNIX fino a due anni fà e che abbia sostituito i proprii server Novell con altri NT, vedrete che non ne troverete uno che possa fare a meno dei propri sistemi UNIX. Sembra che i lavori "pesanti" possano essere portati avanti solo con questo. Durante la mia carriera ogni server Oracle che io abbia visto funzionava sotto UNIX. Un professionista dell'Information Technology, comunque, un giorno mi ha scritto: "Ho seguito molte installazioni di Oracle sotto NT ed ho avuto prestazioni e funzionalità che non ho mai visto sotto UNIX (Pyramid)."


Punti di vista di altri professionisti MIS.

Robert Schindler, un ingegnere meccanico della Florida che negli ultimi dieci anni ha lavorato come consulente libero professionista nel campo delle analisi strutturali per alcune delle ditte apparse come prime cento nella classifica di Fortune, scrive:

"Passerà molto tempo prima che mi sentirete rimpiangere NT od un qualsiasi altro prodotto della Microsoft, credo che Gates ed il suo impero abbiano, più di ogni altro, contribuito all'abbassamento degli standard della nostra società informatica. Se il mio lavoro avesse lo stesso livello di qualità dei loro, vedremmo aerei cadere dal cielo con scadenza oraria.

Un dirigente, che vorrebbe rimanere anonimo per il timore di perdere il posto di lavoro, scrive:

"Lavoro per un grande nome, nel suo campo è uno dei maggiori del mondo. Decidemmo di acquistare un pacchetto della Cabletron per la monitorizzazione e la gestione delle reti, questo era disponibile sia per NT sia per UNIX. Le persone che avrebbero gestito il sistema decisero di prendere la versione per NT perché avevano maggiore famigliarità con esso che con UNIX. Un anno e un quarto di milione di dollari dopo rinunciarono ed abbandonarono NT in favore di Solaris. Perché?
Semplicemente perché NT non si adattava al carico di lavoro.

Tim Newsham, in risposta a questo articolo, scrive:

Io sviluppo programmi sia per NT sia UNIX. Aborro NT. E' un'orrida bestia, ha delle prestazioni terribili ed è molto instabile. Alcune parti di NT sono talmente piene di errori che la maggior parte del tempo di sviluppo di un programma per NT viene utilizzata per cercare di aggirare i suoi bachi. Mi disturba che così tanta gente stia migrando da UNIX verso NT. Posso soltanto immaginare che ci sarà una grande reazione contro NT una volta che i dirigenti realizzeranno quanto dannoso sia stato NT per le loro organizzazioni.

Joseph Day, un consulente a Chicago, replica a Jessie Berst:

"Io sviluppo molti programmi sia per NT sia per 95. Non riesco a capire come mai molti abbiano una così alta opinione di queste due piattaforme. Il supporto che potete ottenere tramite la rete dalla comunità Linux è di molto superiore a qualsiasi cosa potrete ricevere da prodotti della Microsoft. NT ne deve ancora fare di strada prima di raggiungere il livello di stabilità di Linux.
-- Estratto da una lettera di Joseph Day intitolata How did Microsoft did you pay to write this article?  (Quanto ti ha pagato la Microsoft per scrivere questo articolo ?), fonte: Jesse Berst's Anchor Desk, 16 febbraio 1998, ZDNet.

Torsten Holvak, un amministratore di sistemi in Laramie, WY, risponde a Jessie Berst:

"Jesse: sono sicuro che la Microsoft, come l'IBM negli anni '60, sarebbe molto contenta se la gente credesse che scegliere qualcosa di diverso dai loro prodotti potrebbe avere un qualche effetto limitante sulla propria carriera, ma non e` cosi` ! Io stesso licenzierei in tronco un dipendente che decidesse di utilizzare come server web o di posta elettronica di una certa importanza una macchina NT piuttosto che una con UNIX. Noi usiamo FreeBSD per tutto e non c'e` niente di piu` stabile. Non solo i server UNIX liberi sono piu` veloci, piu` potenti e piu` stabili di NT, ma anche il supporto e` migliore. Prova soltanto a ricevere una risposta dai tecnici della Microsoft senza pagare un conto molto salato od essere messo in attesa per molto tempo e considerati inoltre fortunato se riesci a risolvere il problema. Trovo molto difficile credere all'episodio apparso nella tua pagine, e` imbarazzante, non posso pensare che tu stia facendo pubblicita` alla Microsoft (FUD). -- Estratto dalla lettera di Torsten Holvak intitolata I'd fire someone using NT  (Licenzierei qualcuno per avere scelto NT), Fonte: Jesse Berst's Anchor Desk, 16 febbraio 1998, ZDNet.

Quinn P. Coldiron, dirigente del dipartimento dei sistemi informatici della University of Nebraska Press, scrive a proposito della sua esperienza con Novell, Windows NT e Linux:

"Dopo aver finito i lavori della mattinata noi lanciamo un backup completo di Cats (un sistema di adempimento degli ordini e di inventario) prima di chiudere, cio` comporta un'attesa di circa due ore su un server Novell. La macchina con Linux e` capace di portare a termine il lavoro in 45 minuti, anticipando il momento della chiusura di poco piu` di un'ora. Questo aumento di velocita` ha permesso una diminuzione delle richieste hardware poiche' Linux gira su una macchina con 32Mb di RAM e con un disco fisso IDE, mentre Novell su una con 64Mb di RAM e con un harddisk SCSI. L'aumento della velocita` si e` notato anche nel lavoro quotidiano, mi viene fatto notare giornalmente come il sistema sembri piu` stabile e veloce.

"Abbiamo recentemente migliorato il sistema con una CPU Pentium a 200Mhz e la memoria a 64Mb per portare avanti il nostro progetto per rimpiazzare il server di stampa e di gestione dei file, che utilizza WindowsNT, infatti questo si bloccava due volte al mese senza una ragione evidente e nonostante avessimo speso 1.500 dollari di supporto da parte dei tecnici della Microsoft. Questo singolo computer, su cui gira il Linux della RedHat rimpiazza sia il nostro server Novell Netware 3.11 sia quello WindowsNT 4.0, diminuendo nel contempo le richieste hardware.Con i recenti miglioramenti, apportati a Samba dal suo team di sviluppo, nel supportare la struttura di dominio di NT e con il rilascio nel dicembre 1997 della RedHat 5.0, mi aspetto di avere un server molto efficiente ed economico per i nostri client Windows95, NT e Macintosh.

-- Estratto da: Replacing WindowsNT Server with Linux (Rimpiazzare i server WindowsNT con Linux).

Il 29 settembre 1997 Nick Johnson scrive nel forum della rivista Byte:

"Dal punto di vista di un amministratore, trovo molto difficile mantenere in modo serio un sistema operativo quando questo richiede 128Mb di RAM, due processori a 200Mhz ed 8Gb di disco fisso solo per fare funzionare un server web per una piccola rete interna, specialmente quando il sistema operativo si blocca e deve essere fatto ripartire a causa di un semplice pacchetto TCP standard. NT e` semplicemente una scelta da non prendere in considerazione quando sono richieste solidita` e velocita`. Potete portare avanti lo stesso lavoro di cui ho parlato con un 386 con 16Mb di RAM su cui gira FreeBSD, senza pagare i cari prezzi della Microsoft.

Mike Hucka, un aministratore e programmatore UNIX del Michigan, scrive:

"Quello che mi domando e` il motivo che spinge la gente nell'investire cosi` tanto nelle soluzioni offerte da NT quandoe` cosi` chiaro come quelle basate su UNIX siano piu` mature, stabili, economiche e performanti. Perche' ? Che cosa non va nella gente?"

"Semplicemente, la gente conosce le reali possibilita` di UNIX ?"

(NdT: NO !)

"La gente crede che i sistemi UNIX siano troppo difficili da usare? Posso essere di parte, ma quando vedo interfacce come CDE su Sun o KDE, penso che siano molto simili a ciò che potete trovare su un PC od un Mac.
Inoltre, adesso, è disponibile una quantità enorme di documentazione per UNIX -- considerate anche soltanto tutti i libri pubblicati dalla O'Reilly & Associates, o i manuali disponibili in linea sul sito della Sun, oppure uno qualsiasi delle centinaia di siti su cui si trovano informazioni su ogni immaginabile aspetto di UNIX.

E non è tutto, ma se volete potete anche avere una versione libera di UNIX che in quanto a stabilità ed adattabilità sia paragonabile a Solaris e che funzionerà decisamente bene sul vostro PC.

E, oltre a tutto ciò, potete avere il codice sorgente.

La risposta dei lettori a questo articolo

In questa nuova sezione esterna sono contenuti alcuni dei migliori commenti ricevuti in risposta a questo articolo.

SERVER WEB

La linfa vitale di Internet è il Web, questa è la facciata che il pubblico vede. Se il vostro sito è lento, martoriato da problemi tecnici od inaccessibile, ciò potrebbe avere effetti negativi. Poiché la maggior parte delle grandi corporazioni sono orientate verso UNIX, normalmente esse utilizzano per il server web programmi come Apache o Netscape-Enterprise, il primo è stato concepito avendo bene in mente UNIX, è libero ed al momento è lui che spadroneggia in Internet, circa la metà dei server web presenti in rete funziona tramite Apache (vedi The Netcraft Web Server Survey  (L'indagine di Netcraft sui server web)).
Il web server IIS della Microsoft non è utilizzato neanche da un quarto del totale.

Apache è attualmente utilizzato da: Javasoft, FBI, Financial Times, The Internet Movies Database, W3 Consortium, The Royal Family, Oxford University Libraries Automation Service, M.I.T., Harvard University, e University of Texas at Austin .

Netcraft aggiunge anche: "La compagnia di hosting virtuale Rapidsite  è al momento al quinto posto. I loro server, che funzionano con una versione personalizzata di Apache, gestiscono 44.280 nomi di dominio su 39.905 indirizzi ip.
Un vero successo e, probabilmente, il più grande sistema di hosting al mondo." Potete notare che nella parte di questo articolo dedicata alle prestazioni l'accoppiata UNIX-Apache mette in ginocchio quella formata da NT-IIS. Inoltre Apache non è solo veloce, ma è anche libero. La sua predominanza in Internet è stata riconosciuta anche dall'IBM che ha adesso un rapporto di collaborazione con il team che lo sviluppa:

IBM si allea con Apache
"IBM fornirà il server HTTP Apache nel suo IBM WebSphere Application Server, aiutando gli attuali utilizzatori di Apache nelle soluzioni per il commercio elettronico. Inserendo Apache nel suo pacchetto WebSphere IBM fornirà per esso un supporto commerciale adatto alle aziende, inoltre la BigBlue è un attivo partecipante all'Apache HTTP Server Project, uno sforzo comune per lo sviluppo del programma e contribuirà per migliorarne le caratteristiche.

- -- IBM Helps companies turn simple web sites into powerful e-bussiness solutions  (L'IBM aiuta le aziende per trasformare i loro semplici siti web in potenti soluzioni per il commercio elettronico), IBM News, 22 giugno 1998.

Per una'azienda che voglia il più robusto server web, Netscape-Enterprise è un'ottima scelta, anche se non è Open Source  come Apache, risponde alle più onerose richieste, è utilizzato da ditte quali la BMW, Dilbert, Silicon Graphics, Shell, Sun Microsystems, Sybase, Ferrari ed Il Vaticano.

IIS della Microsoft è una delle poche cose fornite insieme a Windows NT, ma non possiede alcuna particolare od unica caratteristica che non si possa trovare in altri programmi per server web.
Non eccelle né in velocità, né in popolarità, né nel numero di richieste contemporanee che può soddisfare. Attualmente è usato dalla Compaq, Nasdaq, The National Football League, Exxon, e Tesco.

Ad ulteriore sostegno della mia affermazione riguardo alla velocità di IIS della Microsoft, durante una prova dell'accuratezza degli indirizzi dei siti citati in precedenza, ho scoperto che il sito della Tesco non è stato in grado di accogliere alcuna richiesta dalle 00:53:07 alle 02:53 GMT di lunedì 22 giugno 1998. Il loro server web ritornava il messaggio HTTP/1.1 Server Too Busy (Il server è troppo impegnato) nonostante abbia tentato ripetutamente di connettermi sia dal mio dominio sia da altri in cui mi ero collegato tramite telnet. Il loro server web non riuscì mai ad inviare la loro home-page. Ho rinunciato dopo 50 minuti che ricevevo lo stesso messaggio da vari client di diversi domini. Personalmente ho visto questo messaggio provenire solo da server web che utilizzavano IIS e Tesco usa Microsoft-IIS/4.0. Collegantomi via telnet direttamente al loro server sulla porta 80 ho notato un altro aspetto poco professionale: nonostante la grande disponibilità di server ntp in giro per il mondo il loro orologio di sistema era indietro di 8 minuti e 51 secondi.

Per gli utenti di Windows 95  ed NT, uno dei siti più popolari della rete per prelevare programmi freeware e software è il sito chiamato www.windows95.com. A causa della sua immensa popolarità esso richiede un robusto sistema operativo ed un software per il server web molto veloce. Poiché tutti i programmi offerti da questo sito sono esclusivamente per Windows 95 ed NT e che il tono è molto a favore della Microsoft, si potrebbe desumere che la soluzione più logica dovrebbe essere quella di server NT che utilizzino IIS, bene, questo è un estratto da una delle loro stesse pagine web:

D: Su che tipo di hardware e programmi si basa Windows95.com? R: Noi usiamo dei computer dotati di PentiumPro con il sistema operativo UNIX BSDI ed Apache come server web. I nostri server sono collegati ad Internet tramite una connessione multipla di tipo T3.

Nota: questo estratto è del febbraio 1998, essi hanno di recente cambiato nome, da Windows95.com in WinFile.com anche se utilizzano ancora il dominio windows95.com, questo cambiamento ha avuto luogo nel marzo 1998.

Per verificare in ogni momento su quali programmi si basa un sito Internet provate il seguente indirizzo: What is that Site Running?


Conclusioni

In base alle opinioni di amministratori di sistema di una certa esperienza si evidenzia come UNIX sia una una buona scelta sia per un budget ridotto sia per le grandi corporazioni con la necessità di server multi-processore dotati di grande potenza e di un sistema operativo scalabile. Elizabeth Corcoran, del Washington Post, ci propone uno scorcio di vita reale:

I Cincinnati Bell Information Systems, per esempio, hanno usato per molti anni workstation e server della Sun per processare informazioni. Essi hanno recentemente acquistato i migliori server Sun per gestire le richieste di un milione di bollette al giorno. La scelta, dice James Holtman, vice presidente della CBIS, era da compiere fra i server della Sun ed i mainframe dell'IBM. La tecnologia della Microsoft non ha ancora raggiunto il livello necessario, deve ancora percorrerne di strada prima di poter gestire sistemi di queste dimensioni.
(The Washington Post, domenica 8 febbraio 1998; pagina H01)

Presupponendo che un'azienda di piccole o medie dimensioni, abbia necessità di far funzionare pochi processi di importanza critica, che possa essere vantaggioso assumere altri amministratori per i loro server su cui girano Microsoft Exchange ed Internet Information Server ed abbia un buona possibilità di spesa per il sistema di licenze "per server" o "per utente", allora NT potrebbe essere una buona scelta.
L'AberdeenGroup ha pubblicato un eccellente studio sulla migrazione su WindowsNT.

NT è anche un'ottima scelta per i dirigenti che vogliano far vedere che hanno utilizzato tutti i fondi messi a loro disposizione durante l'anno fiscale per l'hardware ed i programmi. Forse è per questo che non hanno bisogno di alcuna preventiva approvazione all'interno delle agenzie federali: "NT è diventato il sistema operativo standard ufficioso per il governo federale.
I dipendenti che hanno la responsabilità dell'acquisto dei componenti e dei programmi dei computer necessitano di un'approvazione scritta prima di ordinare un sistema operativo UNIX od un elaboratore su cui non può funzionare Windows NT, per computer basati su Intel o per i sistemi operativi Microsoft non è richiesto alcun permesso." (così è riferito da un venditore di soluzioni basate su Sun che desidera rimanere anonimo).

Per i piccoli negozi e per gli utenti avanzati con problemi di budget, ma anche per le medie e grandi imprese che stanno cercando di uscire dall'antiquata mentalità che le migliori prestazioni vengono fornite dall'ultima voce sull'elenco delle vendite, Linux e FreeBSD può facilmente superare le prestazioni e la funzionalità di una soluzione basata su NT, il tutto fatto con dell'economico hardware Intel ed a costo di zero dollari, un prezzo che Bill Gates difficilmente potrà battere.

Perché investire in un sistema operativo che richiede un ripetuto e costoso addestramento ad ogni rilascio di una nuova versione?
Gli amministratori UNIX/Linux sono numerosi e mediamente più tecnicamente capaci delle loro controparti NT (la maggior parte dei primi ha anche una certa dimestichezza con i sorgenti e gli script che raramente hanno i secondi) Perché spendere 5.000 dollari per MS Exchange Server (e questo prezzo è per l'accesso di soli 50 utenti) che in molte aziende sembra essere capace di gestire la posta elettronica di sole poche centinaia di impiegati, quando potete usare il server di posta Sendmail, un'applicazione provata e stabile capace di supportare le richieste di comunicazione tramite e-mail di migliaia di utenti, che è dato in dotazione con Linux?

In fatto di prestazioni e caratteristiche fra i due sistemi operativi, sembra che UNIX vinca a mani basse. Offre una vasta gamma di versioni (quindi nessun pericolo di monopolio) scalabilità, un più efficiente utilizzo delle risorse, amministrazione remota, calcolo remoto, capacità multi-utente, un grande parco di programmi professionali, standard indipendenti dall'industria (segue lo standard POSIX), il controllo dell'utilizzo dei dischi da parte dell'utente (cosa che non fa` NT) e non può essere bloccato da virus scritti 10 anni fa per i computer che usavano ancora il DOS. La cosa, però, più importante da ricordare di questo articolo quando ci si trovi a dover scegliere fra WindowsNT ed uno dei vari sistemi operativi UNIX è questa:

UNIX vi offre grande scelta: ogni tipo di hardware, interfaccia via tastiera o grafica, programmi commerciali o GNU, diversi produttori. È dinamico, quindi potrete costruire un kernel personalizzato per adeguarlo alle vostre necessità.

WindowsNT vi cristallizza: solo piattaforme Intel od Alpha, nessuna CLI, solo GUI (provate a far partire NT con un'interfaccia solo via tastiera) e una sola interfaccia grafica (nessuna scelta del Window-System che avete sotto X), solo MTA commerciali, prodotto esclusivamente dalla Microsoft (avete mai sentito che un'altra ditta abbia prodotto un clone di NT-Server?). NT è statico, non potrete mai costruire un kernel personalizzato, una sola taglia deve andare bene a tutti.

Anche se la Microsoft non è l'unica ditta produttrice di software che propone le proprie soluzioni chiuse e proprietarie, è sperabile che le organizzazioni che promuovono sistemi e soluzioni aperte e libere prevalgano. Netscape è uno dei produttori che promuove la diversità e mette alla gogna la politica pro-restrizioni della Microsoft e la sua posizione contro la possibilità di scelta riguardo a vari prodotti:

La [nostra] strategia è in netto contrasto con quella di ditte come la Microsoft, i cui proventi sono basati su un modello dipendente dagli aggiornamenti fatti dai clienti alle versioni più aggiornate dei loro sistemi operativi. Considerate che, per esempio ActiveX ed i suoi componenti sottostanti (gerarchicamente) sono creati per funzionare solamente su Windows, a 32-bit. Anche molte API della Microsoft funzionano solo su Windows a 32-bit. Per esempio, un'applicazione che utilizza l'ADSI (una API della Microsoft per accedere al protocollo LDAP per le directory) non potrà funzionare su Windows a 16-bit, ancora meno su Macintosh o UNIX.
L'equivalente API LDAP della Netscape è disponibile nella sua verione in C per 17 piattaforme diverse ed per un numero ancora maggiore quella in Java.
In aggiunta i futuri servizi della Microsoft, quali Viper per il processo delle transazioni e Falcon per i messaggi funzioneranno solo su NT 5.0, un database della Oracle funzionante su UNIX, per esempio, non è supportato. La differenza è lampante: con Microsoft gli sviluppatori producono per la piattaforma Windows, con Netscape essi producono per la piattaforma Internet.
- -- Netscape, Netscape ONE Advantages

A questo punto in base alle informazioni che ho qui fornito sembrerebbe che il quesito riguardante quale sistema operativo scegliere sia puramente accademico, invece ogni giorno capaci amministratori di sistema o di rete si sentono dire da un loro dirigente come l'azienda stia migrando su NT. L'amministratore rimane basito e confuso poiché egli è a conoscenza delle informazioni contenute in questo articolo. Chi lo dovrebbe leggere è la dirigenza della vostra ditta la quale troppo spesso mette in pericolo la "baracca" e distrugge l'armonia di un sistema stabile, economico e tecnicamente superiore quando improvvisamente scopre che un sistema operativo non approvato solamente in base a scelte politiche è in uso da tempo:

"I dirigenti dell'IT ad un certo punto notano un computer in un angolo e gli viene spiegato che è il server web del dipartimento, che è in funzione incessantemente da un anno e mezzo e che funziona con Linux. Una delle reazioni più comuni è di passare immediatamente a NT, ma ciò che succede in seguito è che si ritorna a Linux a causa di un calo delle prestazioni.
- -- Linus Torvalds talks economics and operating systems  (Linus Torvalds discute di economia e di sistemi operativi) InfoWorld, 9 aprile 1998.

Questo tipo di incidente avvenne nella Cisco Systems Inc., ma nonostante l'ordine dei dirigenti di passare a NT, essi stanno ancora utilizzando Linux (vedere per i dettagli), evidentemente qualcuno dei tecnici dello staff si è rifiutato di portare a termine l'ordine, come mai, secondo voi, dei tecnici esperti hanno deciso di rischiare di perdere il posto in questo modo? Lascerò a voi l'ardua sentenza.

Se siete un dirigente cercate di utilizzare queste informazioni saggiamente per migliorare l'ambiente informatico della vostra azienda. Parlate con i vostri tecnici, chiedete loro cosa effettivamente funziona e prendete la vostra decisione. Non fatevi fuorviare dai venditori che utilizzano molti termini, ma non li sanno spiegare, lasciate che vi spieghino quale sia la loro pertinenza con gli obbiettivi informatici della vostra ditta. Cercate delle compagnie che utilizzino sia dei server Microsoft sia UNIX per il tipo di soluzione a cui state pensando, cercate di parlare con i loro tecnici per avere un parere obbiettivo e di prima mano sulla fattibilità, sulle difficoltà di implementazione e sui costi di installazione e mantenimento dell'opzione proposta.


Una veloce occhiata a Linux e Windows NT

Poiché NT è spesso scelto per soluzioni comprendenti hardware economico, in questo confronto come rappresentante dei sistemi operativi UNIX verrà scelto Linux per la sua alta efficienza su hardware Intel.

Nota: sono qui presi in considerazione solo gli strumenti e le caratteristiche attualmente fornite con il sistemi operativi in esame. Il Perl 5.0, per esempio, è disponibile per ogni piattaforma, ma la Microsoft non lo fornisce insieme ai suoi sistemi operativi. Per lo stesso motivo, molte distribuzioni di Linux sono dotate di sole quattro GUI fra cui scegliere, ma abbiamo visto in una parte precedente dell'articolo che sono solo una piccola parte di quelle disponibili, sia per Linux sia per altri sistemi operativi UNIX.

Componenti Linux Windows NT Server 4.0
Sistema operativo Libero, o partire da $49.95 per una distributione completa su CD-ROM Versione per 5 utenti $809
Versione 10 utenti $1129
Versione EE per 25 utenti $3,999
Supporto tecnico online gratuito Sì, Linux Online o Redhat No
Codice sorgente del Kernel No
Web Server Apache Web Server IIS
FTP Server
Telnet Server No
SMTP/POP3 Server No
DNS Sì, sebbene segnali che è un'implementazione non conforme con funzionalità limitate
Networking TCP/IP, IPv6, NFS, SMB, IPX/SPX, NCP Server (NetWare Server), AppleTalk, più molti altri protocolli TCP/IP, SMB, IPX/SPX, AppleTalk, più molto altri protocolli
X Window Server
(Per eseguire in remoto
applicazioni con
interfaccia grafica
No
Strumenti per la gestione remota Sì, ogni tipo di tool Web Administrator 2.0 (recentemente) offre un vasto, ma non completo, insieme di strumenti.
News Server No
Compilatori C e C++ No
Perl 5.0 No
Revision Control Sì, RCS No
Numero di file system supportati 32 3
Supporto per Disk quotas No
Numero di GUI (window managers) tra cui scegliere 4 1

Tabella di confronto delle dotazioni di ogni OS

Che cosa utilizzano le maggiori aziende?

Amazon.comAmazon.com Books, il più grande "negozio" di libri in rete, si appoggia sulla versione UNIX di AlphaServer 2000 della Digital per mantenere attiva la sua attività ventiquattr'ore su ventiquattro. La tecnologia VLM64 della Digital rende facilmente accessibili tutti i dati ai clienti. "Le estese capacità del server web AlphaServer della Digital, insieme alla sua regolare evoluzione, fornisce una soluzione perfetta per la nostra rapida crescita."

BoeingSistemi operativi: HP-UX, IRIX, Solaris ed una percentuale di NT superiore a quello che vorrebbero i loro tecnici.
Leggete cosa ha da dire Linus Torvalds riguardo alla Boeing. Server web: Netscape-Enterprise 2.01

Dallas Cowboys
Sistemi operativi: IRIX (lo UNIX della Silicon Graphics) ed System V versione 4.0
MTA: Netscape Messaging Server 3.01
Server web: Netscape-Enterprise 3.0

Dow Corning
"Noi siamo operativi a livello globale ed abbiamo sempre utilizzato dei mainframe. Scegliere Sun è stato un rischio più elevato rispetto alle altre possibilità, ma ci hanno veramente impressionato con la loro tecnologia. Dopo avere lavorato con la Sun, se dovessimo scegliere di nuovo, non ci penseremmo neppure a fare una scelta differente, stanno facendo un magnifico lavoro." - -- Mark Smith, dirigente ITS, Dow Corning

Hotmail, Microsoft Corporation
Questo servizio gratuito di posta elettronica basato sul web utilizza sia Solaris della Sun sia FreeBSD e Apache 1.2.1 come programma per il server web. Dopo che la Microsoft ha acquisito la ditta nel dicembre 1997 hanno provato a migrare su NT, ma le prestazioni necessarie per sostenere le richieste di dieci milioni di utenti si sono dimostrate troppo elevate per NT, quindi è stato installato di nuovo Solaris. La storia completa: Solaris calls Hotmail shots for Microsoft (Con Hotmail Solaris mette a segno un colpo contro la Microsoft).

United States Postal Service
"Il servizio postale degli Stati Uniti ha installato su tutto il territorio durante il 1997 più di 900 sistemi basati su Linux per il riconoscimento automatico degli indirizzi sulle buste.
Ogni singolo sistema è composto da cinque biprocessori PentiumPro 200Mhz (PP200) ed un singolo processore, sempre PP200, tutti funzionanti con Linux.
- -- John Taves, Linux is reading your mail  (Linux sta leggendo la vostra posta), 8 aprile 1998.

Poste Italiane
Forse comprati dalla Microsoft, forse innocentemente incompetenti hanno basato tutta la rivoluzione informatica su Windows NT prima e forse 2000 poi; morale: code interminabili agli sportelli, servizi finanziari fuori uso per settimane (ore e giorni a singhiozzo) con conseguente disagio per la popolazione, diminuzione della produttività (già scarsa) ed aumento delle tariffe (esempio versamento su conti correnti).

Yahoo!
"... Un paio di giorni più tardi abbiamo aggiunto una macchina FreeBSD alla nostra batteria di server web. Non solo essa superava le prestazioni delle altre nostre macchine, ma era anche più stabile. Poche settimane dopo questo esperimento siamo stati venduti. Anche se il prezzo era interessante, è stata la stabilità, le prestazioni e l'accesso al codice sorgente che ci ha colpiti. Da quel momento abbiamo esclusivamente utilizzato FreeBSD per le nostre produzioni così come ambiente di sviluppo.
- -- David Filo, Co-fondatore di Yahoo! (FreeBsdNews, numero 1).

Questa lista di aziende che utilizzano Linux nelle loro pratiche quotidiane  cerca di informare il pubblico sulla realtà di Linux come una reale alternativa ai sistemi operativi UNIX commerciali. Aziende come la Cisco Systems Inc., la Sony WorldWide Networks, Mercedes-Benz e la Yellow Cab Service Corporation sono anch'esse menzionate. Una descrizione dell'ambiente in cui Linux viene installato accompagna ogni ditta elencata.

<>InfoWorld ha recentemente trattato la possibilitàdella Cisco Systems Inc. di passare da Linux a NT:
"A proposito dei cambi di piattaforma, la Cisco Systems potrebbe cambiare la sua rete interna di server di stampa. Apparentemente l'attuale infrastruttura è basata su Linux e funziona molto bene, ma ciò non ha impedito ai signori dei piani alti di decidere di smantellarla. Mi è stato detto che alla luce delle relazioni della Cisco con la Microsoft, i suoi dirigenti anziani hanno emesso un ordine secondo cui l'attuale sistema avrebbe dovuto essere buttato alle ortiche in favore di WindowsNT. L'inerzia ha, però avuto la meglio, e nonostante gli ordini il sistema di stampa utilizza ancora - indovinate un po' - Linux!
- -- Robert X. Cringerly, "No Sunday in the Park: Rain Pushes platforms closer to the precipice" (Non ci sarà la domenica al parco: la pioggia ha spinto varie piattaforme vicino al precipizio),
InfoWorld, 23 febbraio 1998, vol. 20, numero 8, pag. 115.

Linus Torvalds, il creatore di Linux, afferma in un'intervista a InfoWorld che Linux spesso è nella lista ufficiosa dei sistemi approvati da molte ditte:

"Non molti vengono allo scoperto ed affermano pubblicamente di utilizzare Linux. La NASA è molto aperta nel supportare Linux, così come lo sono le università.
So che Linux è utilizzato in aziende come la Boeing, ma non sono riuscito a trovare nessuno su una pagina web che lo ammetta.
- -- Linus Torvalds parla di economia e di sistemi operativi, InfoWorld, 9 aprile 1998. Vedere anche i server web di 101 importanti aziende ed organizzazioni.

Link relativi

Providing Reliable NT Desktop Services by Avoiding NT Server
by Thomas A. Limoncelli, Robert Fulmer, Thomas Reingold, Alex Levine, Ralph Loura,
Lucent Technologies, Bell Labs.

HP Delivers 24x7 Worldwide Support For Linux Systems and Applications

NT looking great on paper
Microsoft has stolen mindshare from Unix, says IDC
by Steven Brody, SunWorld, 19 April 1999.
CNN.com's version of this same article.

NT beats Linux ... maybe
"Study finds NT is faster than Linux as a Web server...at least according to MS-sponsored tests."
by Steven J. Vaughan-Nichols, Sm@rt Reseller, 15 April 1999.

Linux: How Good Is It?
D.H. Brown Associates, Inc., 12 April 1999.

Divorcing Thin Server Software from the Hardware
This article is no longer available.

Please direct inquiries concerning this article to the GartnerGroup.
by J. Staten, GartnerGroup Advisor,
"This document examines this issue in detail, particularly the differences between Linux and FreeBSD, the current de facto leaders in the market."

IACT's 24x7 Report
by John Drabik, IACT (International Alliance for Compatible Technology).

Comparison between FreeBSD 3.1 SMP and SuSE Linux 6.0 SMP
(Author has removed this article from FreeBSD's site.)

"Looks promising for the Linux 2.2.3 SMP kernel, but actually FreeBSD is still 19% faster."
by Andreas Klemm, FreeBSD.org, 14 March 1999.

Windows 2000, Users Zilch:
The Y2K Disaster Parading as Microsoft's Windows NT Marketing Plan

by Robert X. Cringely, PBS online, 11 March 1999.

IBM to Linux-ize PCs
by Carmen Nobel and Scott Berinato, PC Week Online, 15 February 1999.

Linux: Enterprise-ready
"2.2 kernel's multiprocessing, improved memory management deliver enterprise goods"
by Henry Baltazar, PC Week Labs, 1 February 1999.

Computing heavyweights warm to Linux
by Stephen Shankland, CNET News.Com, 27 January 1999.

Windows NT could triple enterprise upgrade costs - report
by John Lettice, The Register, 26 January 1999.

New version of Linux posted
by Stephen Shankland, CNET News.Com, 26 January 1999.

Linux Up Close: Time To Switch
by Steven J. Vaughan-Nichols & Eric Carr, Sm@rt Reseller, 25 January 1999.

Linux bandwagon grows
by David Pendery, Dan Briody, and Ed Scannell, InfoWorld Electric, 23 January 1999.
"Momentum behind the Linux platform will soon surge again with both Hewlett-Packard and Tivoli Systems planning to extend their management platforms to the open-source Linux platform, according to high-ranking officials at the two companies."

Notes headed to Linux
by Erich Luening, Staff Writer, CNET News.Com, 18 January 1999.

Linux 101
by Jon maddog Hall Performance Computing, January 1999.

Linux shipments up 212 percent
by Stephen Shankland, CNET News.Com, 16 December 1998.

The story on FreeBSD: What you should know about this important free OS
by Cameron Laird and Kathryn Soraiz, LinuxWorld, December 1998.

Unix trounces Windows NT in testing
by Stephen Shankland, CNET News.Com, 1 December 1998.

Charge of the Linux Brigade
by Fred Moody, ABCNEWS.com, 20 November 1998.

Microsoft: Linux a threat to NT
by Dan Goodin, Stephen Shankland, and Paul Festa, CNET News.Com, 2 November 1998.

The Halloween Documents
"Microsoft Confidential" Documents with annotations and comments
by Eric S. Raymond, 30 October 1998.

Unix Growth Still Outpaces Win NT
by Andy Patrizio, TechWeb, 28 October 1998.

Gates "on the warpath"
by Bloomberg News, CNET News.Com, 28 October 1998.

Finding Unix ain't broke, chip side balks at NT
by Richard Goering, EE Times, Issue: 1032, Section: Special Report: Workstations And Windows NT, 26 October 1998.

Unix back in the fight with NT
by Miguel Helft, Mercury Center, 26 October 1998.

Wall Street Is Bullish on NT
by Michael Moeller, WindowsPro Magazine, 16 October 1998.

Novell to unveil directory services on Linux
by Mary Jo Foley, Sm@rt Reseller Online, 13 October 1998.

Intel pushing unified Unix
by Brooke Crothers, Staff Writer, CNET News.Com, 17 September 1998.

Quality Unix for FREE
by Brett Glass, Sm@rt Reseller, ZDNet, 7 September 1998.

ABC switches to Sun SAP environment:
The Australian Broadcasting Corporation (ABC) has successfully migrated its SAP development platform from NT to Solaris, running on Sun boxes

Sun Microsystems Australia, On#Sun, vol. 5 issue 2, September 1998.

Beware the penguin, Bill
by Charles Arthur, The Independent, 5 October 1998.

Intranets On A Shoestring
by Chris Lindquist, Computerworld, 5 October 1998.

Gates pushes hometown to Linux
Linux-based document system costs 10% of Windows NT solution

by Christine Burns, Computerworld News, 4 October 1998.

Service Pack 4 vs. NT 5 (a.k.a. NT2000)
by Russ Cooper, ZDNet, 29 September 1998.

NT's Cloudy Future
by Mark Hall, Performance COmputing, September 1998.

New Security Flap Over Windows NT
by Mary Jo Foley, Sm@rt Reseller, ZDNN, 23 September 1998.

Linux Surfaces As Alternative to Windows NT
by Masahiro Nakamura, Staff Editor, Nikkei Computer, AsiaBizTech, 21 September 1998.

A Fight to the Finnish
Why Linux Quite Appropriately Scares the Bejesus Out of Microsoft

by Robert X. Cringely, PBS online, 10 September 1998.

Dell ships PCs, servers with Linux
by Connie Guglielmo of ZDNN, MSNBC, 8 September 1998.

In LINUX We . . .
by Ann Harrison, Software Magazine, Cover Story, September 1998.

Linux, an Alternative to Microsoft Windows, Shows Value of Free Software
by Leslie Helm, Times Staff Writer, Los Angeles Times, 24 August 1998.

NASA Greets Beowulf
by Michael Stutz, Wired News, 17 August 1998.

Is NT Ready for the Data Center?
by Joseph P. McGarvey, Windows Pro Magazine, 26 August 1998.

Microsoft Admits NT Trails Solaris
by Barbara Darrow and Stuart Glascock, Computer Reseller News, 28 July 1998.

NT vs. UNIX: An uphill battle
by Kevin Burden, Computerworld, August 1998.

Open OS Provides Flexible, Stable Computing Platform -- Linux Environment Offers Endless Possibilities
by Paula Rooney, Computer Retail Week (TechWeb), 17 August 1998, Issue: 215, Section: Business Solutions

Linux legitimacy rallies NT skeptics
by R. Scott Raynovich and Polly Sprenger, LAN Times, 17 August 1998.

Putting Unix in All the Right Places: The reports of Unix's death are greatly exaggerated.
by John Montgomery, Byte, January 1998.

Report: Wait on NT 5.0
by Ben Heskett, CNET News.Com, 6 August 1998.

Users Should Skip NT 5.0, Analysts Say
by David Wilby, TechWeb, 29 June 1998.

Open Source's First Six Months
by Eric Raymond, Linux Gazette, August 1998.

Linux versus NT: Are you getting the most from your OS?
by Cameron Laird, SunWorld Online, August 1998.

Foes fire at Microsoft
"RealNetworks exec tells Senate panel software giant 'breaks' his product"
by staff writer John Frederick Moore, CNN Financial Network, 23 July 1998.

Linux manifesto (A boot interview with Linus Torvalds)

Oracle to port database to Linux after all
by Paul Krill, InfoWorld Electric, 17 July 1998.

Informix gets set to embrace Linux
by Paul Krill, InfoWorld Electric, 17 July 1998.

NT: One step forward, two steps back
by Mary Jo Foley, ZDNN, 20 July 1998.

NT Needs Patch To Comply With Y2K
by Ellis Booker, TechWeb (InternetWeek, issue 712), 27 April 1998.

Engineers Speak Out: Linux vs. Windows NT, Part 1
by Murry Shohat, Intergrated System Design Magazine, July 1998.

The "Decline" and Rise of Unix
by Prasanto K. Roy, PC Quest.

NT Lies
by Ed Bott, ZDNet, July 1997.

Sun Joins Linux International
Slashdot, 21 May 1998.

Update on Sun joining Linux International
Slashdot, 29 May 1998.

The Cathedral and the Bazaar
by Eric S. Raymond, 29 January 1998.

Microsoft: The Joker of Enterprise IS Computing
by The AberdeenGroup, Executive Viewpoint, Volume 10 / Number 20, September 29, 1997.

Interoperability: Possibility or Elusive Dream? -- An Executive White Paper
by The AberdeenGroup, March 1998.

OnSite - Case Study: Migration Migraines
by The AberdeenGroup, 1997.

Case Study: Horns of a Dilemma
by The AberdeenGroup.

Windows NT no match for UNIX, IDC says
by Rob Guth, Computerworld, 7-24-97.

It will take less drive to make most PC operating systems work like Unix
by Nicholas Petreley, InfoWorld, 28 October 1996.

1997 Product of the Year Award: Operating Systems - Network Operating System
by Eric Hammond, InfoWorld Test Center.

1997 Product of the Year Award: Best Technical Support Award
by Ed Foster, InfoWorld Test Center.

Linux Reviews and Articles by Christopher Blizzard.
This page lists 65 articles or reviews of Linux.

Linux Grows Up: Red Hat's commercial Linux beats NT at its own game, by Maggie Biggs.
The author is a senior analyst in the InfoWorld Test Center. She specializes in database technology and application design, development, and deployment via intranets and other networks.

Linux lines up for the enterprise: Is there a place in your shop for this inexpensive UNIX?
by Rick Cook, in: SunWorld - January 1998.

Lookin' into Linux
by Mark Gibbs, Network World, March 30, 1998.

Doing the math to resolve the NT vs. UNIX debate
by Wayne Spivak, Network World, August 18, 1997

The advantages of using BSDI BSD/OS over Windows NT Server
iServer - Verio Web Hosting Inc. - Virtual Servers

Linux: Not Just For Geeks And College Kids Anymore, by Jason Perlow, ZDNet, February 11, 1998.

Leaning Toward Linux: Powerful, robust, and free, Linux is worth investigating, especially if you plan to set up an Internet domain by Neil Randall, ZDNet - PC Magazine Online, July 1997, Vol 16, No. 13.

Replacing Windows NT Server with Linux by Quinn P. Coldiron, Information Systems Department manager for the University of Nebraska Press.

An In-Depth Analysis of Five Commercial UNIX Operating Systems and Windows NT Server 4.0 (Enterprise Edition) by D.H. Brown Associates, Inc.

Comparing BSDI and NT: Building Intranet and Internet Servers with BSDI and Windows NT

The Standish Group - SUN Also Rises: Solaris Vs. NT

BitWizard B.V. "UNIX vs. NT"

THE H-REPORT: Which Operating System For Your 'Intranet'?

Linux Helps Bring Titanic to Life
Daryll Strauss, LINUX Journal, Issue #46, February 1998.


Ringraziamenti

Vorrei dare il benvenuto a tre nuovi autori che si sono prestati come volontari per i servizi dell'organizzazione "UNIX versus NT": Bengt Kleberg, Gregory J. Pryzby, and Robert G. Werner.

Un mio particolare ringraziamento a Martin Vermeer, che, grazie alle sue correzioni formali, argomentazioni qui presentate, come anche per i numerosi, validissimi e talvolta esplosivi link, è stato e continuerà ad essere, un aiuto senza prezzo per il successo nello sviluppo di un progetto dinamico come questo. I miei più profondi apprezzamenti vanno ai traduttori che hanno generosamente donato il loro tempo a questa meritevole causa: Brian Lin per le traduzioni in cinese, Davor Ocelic per la traduzione croata, Hanus Adler per la traduzione in ceco, Kobayashi Osamu per quella giapponese, Donghun Han per la koreana, Bruno H. Collovini la portoghese, e Ilgam Vasilyev per la russa, e Carlos Lizárraga C. per la spagnola. Ringrazio anche Nat Makarevitch, Sebastien Blondeel e Dennis Allard per la traduzione francese, Pietro Leone, Giuseppe Sacco e Ferruccio Zamuner per la traduzione italiana.

Sono anche grato ai numerosi lettori che hanno contribuito con link, suggerimenti ed argomentazioni importanti per questo articolo, per esempio, Lanc Bayless, Klaus A. Brunner, Radovan Bukoci, Peter Chen, Reinier de Vos, Martin Espinoza, Ariel Faigon, Paul Fischer, P. Gopalakrishnan, Colin Kabaara, Raj Mathur, Howard McKinney, Adrian Mikeliunas, Mike Miller, Mike Stephens, Jim Mohr, Gene Mosher, Philip Obbard, John Oram, Conrad Sanderson, Markus Senoner, Steve Sinnott, Ryan Sumner, Raj Warty, Ken Webster, e innumerevoli altri.

Egualmente apprezzate le critiche costruttive da Keith H.J. Bevins, Joris Braakman, Marty Cawthon, Phillip Chu, Baruch Cochavy, Nicholas Donovan, Julian Elischer, Steve Fuller, Alex Gogan, Jake Hamby, Peter Jeremy, Adam Johnson, Geoffrey King, Hannu Krosing, Greg Lehey, Kimberly McBride, Richard Smith, and David Waine, per nominarne giusto qualcuno.

Non senza importanza è stata l'assistenza fornita da Leif Erlingsson e Damon Conway attorno alla fine di Marzo quando ho dovuto aggiornare la mia connessione ed ho avuto bisogno dei loro servizi di mirroring, e per chi continua a mirorare questo stesso sito. Ultimi ma non da meno, ringrazio Ryan Sumner per il suo infinito supporto morale per questo progetto.

LINUX
BSD
OPENSOURCE


Pietro Leone
Studente di Scienze Naturali all'Universita degli Studi di Torino.
Appassionato di informatica, utente Amiga, Linux e programmatore dilettante in C.
Altri hobby: storia militare, strategia e Giochi di Ruolo.

Puoi contattare l'autore scrivendo a:
leone@diff.org


Altri articoli tradotti da Pietro Leone:
Troppo Linux
Linux è come la pizza?
Migliaia di cittadini morti e milioni privati dei diritti civili?
L'idiozia brevettabile
Unix vs. Microsoft Windows NT Server 4
Introduzione a Darwin
X Window deve morire!
Che cosa Linux può imparare da FreeBSD?
Cosa c'è di nuovo in Gnome 1.2


 


La tua opinione su quest'articolo ci sarà utile per la scelta dei contenuti dei prossimi articoli, per cortesia lasciaci un tuo parere su quello che hai letto:
nome:
email:
Commento:
Gradimento:
Utile Interessante Continuate con quest'argomento

© 1999,2000,2001,2002 NonSoLoSoft di Ferruccio Zamuner (Italia)- tutti i diritti sono riservati